Il compleanno via Zoom

Visualizzazioni: 437

di Maria Pia e Gianni Mussini

La settimana scorsa Gianni ha compiuto 70 anni. Prima del Covid i due sposini – oltre a tutto coetanei – pensavano che avrebbero festeggiato in grande stile invitando i numerosi familiari e gli amici vicini e lontani. Ma quest’anno non è stato possibile.

I figli però non si sono rassegnati e, contando sull’appoggio della mamma, hanno deciso di organizzare una festa a distanza – in pratica un percorso a ritroso lungo le tappe fondamentali della vita – che è durata un’intera giornata.

Cecilia da Monaco di Baviera, Lorenza da Istanbul, Giacomo qui a due passi, si sono collegati via Zoom e hanno invitato gli otto fratelli di Gianni, con cognati e nipoti, ex alunni, colleghi di lavoro e amici particolarmente legati alle sue esperienze di vita.

Detto fatto.

Tanto per cominciare, colazione a letto: tutta truccata e sfoggiante il cappottino color mattone dei tempi dell’università, Maria Pia ha servito del “burro rosso” (questa la dicitura ufficiale), a ricordare la prima vacanza in montagna e l’incantamento di Gianni davanti a quel suo modo di pronunciare la R (quella appunto di burro e del rosso di fragole e mirtilli che lo guarnivano).

Si passa ai regali.

Anche qui una carrellata di ricordi: non casuale il riferimento, visto che sono stati “trasportati” online dal vecchio trenino e dalla funivia giocattolo (per l’occasione rimessi in funzione da Giacomo), e si riferivano a una delle grandi passioni di Gianni, la montagna.

È rispuntata persino la torcia finlandese comprata una volta all’Ikea senza mai venire usata: un ceppo congegnato in modo da trasformarsi in falò d’emergenza.

Poi pranzo in stile britannico, fish and chips: il soggiorno giovanile di Gianni a Cambridge riaffiorava grazie ad aromi e sapori mai dimenticati, mentre in sottofondo scorreva una playlist di canzoni “del cuore”, dai canti degli alpini ai Beatles, da Lucio Battisti alle filastrocche per i bambini… e sul desktop campeggiava una foto a ricordare il poeta della vita, Clemente Rebora, affiancato con sapiente fotomontaggio a Gianni medesimo.

Tutto ha avuto un significato, tutte sono state ricordate le passioni del papà, anche le piccole manie, proprio quelle che i figli prendono in giro ma che sanno importanti, “costitutive” del suo carattere e della sua vita.

Per la sera infine, in contemporanea, uno dei film cult della famiglia: Tutti insieme appassionatamente.

Guardandolo, a Gianni ogni tanto scendeva una lacrima sul viso: neanche fosse la Popa… o Bobby Solo.

Insomma, la lontananza e i tanto bistrattati mezzi di comunicazione digitale sono stati in questo caso un potente strumento di armonia familiare e di vicinanza vera. Come a dire che la Provvidenza sa cavare persino dal Covid qualcosa di buono.

cantiamolavita@katamail.com

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *