La moda di FaceApp dilaga in un paese per vecchi

Visualizzazioni: 49

Lo sapevo: questo è un paese per vecchi. Eccome. E se ancora non lo siamo, basta scaricare FaceApp. Lo avete fatto in tanti, tantissimi, in migliaia in questi giorni. Morivate dalla curiosità di vedervi avanti negli anni, con le rughe, i capelli bianchi, la pelle raggrinzita. Il vostro ritratto da anziani: qualcosa che ha a che fare con il controllo del tempo. Prevedere il futuro: non è forse ciò che l’uomo ha sempre, intimamente, provato a fare? Adesso che la tecnologia ce ne offre la possibilità, perché non cedere alla tentazione? Ve lo dico io perché è meglio di no. A parte l’aspetto divertente e giocoso di questa App, a parte che bisogna ben trovare qualcosa per riempire le nostre pagine FaceBook, sapere “come andrà a finire” fa male. Non è salutare. Anzi, è una pratica anche un poco morbosetta che nasconde una reale paura della morte. Vince la curiosità, perde la capacità di godere della bellezza del presente. Ma non secondo il “carpe diem” (che, in fondo, rende la vita una successione di attimi fuggenti), no, intendo secondo il concetto che “il momento è dell’uomo, il tempo è di Dio”. In questa ottica il nostro tempo a venire è tutto custodito nella dimensione della speranza e del discernimento. Due virtù che, per il Papa, ci vengono regalate dall’alto. Conoscete il Salmo (129): “Io spero nel Signore, l’anima mia spera nella sua parola. L’anima mia attende il Signore più che le sentinelle l’aurora”. Quelle sentinelle non vedono l’ora che passi il tempo della notte. Però non si lasciano travolgere dal momento. Esercitano la speranza. Non sarà, invece, che i ritmi frenetici del mondo ci impongano (anche) di invecchiare troppo presto? O, addirittura, di pensarci soltanto vecchi? Gli anziani (quelli veri) ripetevano che bisogna invecchiare bene. Picasso ha scritto che ci vuole una vita per diventare giovani. E Anna Magnani, rivolgendosi a un fotografo, disse: “Mi raccomando non mi tolga le rughe. Ci ho messo 50 anni per averle!”. Facciamo così: ne riparleremo più avanti. Per ora FaceApp non la scarico!

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *