Filantropia Festival 2019 a Pavia

Visualizzazioni: 93

Sabato 4 maggio l’evento della Fondazione Comunitaria pavese

PAVIA – La Fondazione Comuni-taria della provincia di Pavia da quando è sorta ha fatto molto per fare crescere la nostra comunità diffondendo la buona etica del dono, incentivando la filantropia e sostenendo progetti concreti che migliorassero la qualità della vita di tante persone nel campo dell’assistenza sociale, delle emergenze (lavorative, giovanili, degli anziani, etc.), della tutela e valorizzazione dei beni di interesse storico e artistico, della cultura. A 20 anni dalla nascita del “Pro-getto Fondazioni di Comunità”, per fare conoscere la sua attività in modo ancora più capillare tra la gente (oltre alle numerose iniziative già messe in campo e alla pubblicazione del suo “Rapporto Annuale”), la Fondazione ha organizzato, in collaborazione con Fondazione Cari-plo, un grande evento. Si tratta del Festival della Filantro-pia che si terrà a Pavia, in due piazze del centro storico (al Broletto in piazza della Vittoria e in piazza Duomo) sabato 4 maggio. Lo scopo è arrivare al “grande pubblico”, creare momenti di condivisione tra le realtà provinciali, dialogare con la società, raccontare ciò che di buono e di bello è stato realizzato, seguendo il format del festival proposto da Fondazione Ca-riplo. Per questo il tema del Festival della Filantropia sarà “il dono”. “Il dono – dichiara il presidente Giancarlo Vitali – può allargare i confini della creatività individuale e collettiva che porta a ridistribuire in egual misura opportunità e diritti tra tutti. Soprattutto tra i poveri, tra i giovani, tra gli anziani. Il dono può parlarci di una bellezza ritrovata delle città e dei paesi. Di una cultura che è conoscenza delle potenzialità e dei limiti. Il dono ci nobilita. Ci fa volare alto. Se non ci fossero i donatori la Fondazione non avrebbe ampliato i suoi orizzonti, coinvolgendo il tessuto sociale della provincia. Della generosità non si può fare a meno”. La giornata del 4 maggio coinvolgerà, in particolare, tantissimi studenti delle scuole della nostra provincia e avrà una sorta di preambolo nei giorni precedenti il sabato quando i ragazzi degli Istituti scolastici “Taramelli-Foscolo”, “Bor-doni” e “Copernico” di Pavia e “Galileo Galilei” di Voghera intervisteranno i passanti per le vie della città sul concetto di “dono”, realizzando alcune video-testimonianze. L’iniziativa fa seguito a un ciclo di lezioni formative che la Fon-dazione ha condotto all’interno delle scuole in questi ultimi mesi, coordinato dalla professoressa Re-nata Crotti, vice presidente della Fondazione, con la partecipazione di Roberto Figazzolo, critico cinematografico e video-maker pavese, e di Susanna Zatti, che ha formato i ragazzi per diventare “guide turistiche” nel centro di Pavia e presso la cripta romanica, sede del Museo Diocesano. “Il Festival della Filantropia – sottolinea Renata Crotti – offrirà l’occasione per far emergere il comune sentire su un tema particolarmente complesso, coinvolgendo in modo diretto il mondo dei giovani. Gli studenti delle scuole coinvolte (‘Taramelli-Foscolo’, ‘Bordoni’ di Pavia e ‘Galileo Galilei’ di Voghe-ra) esprimono attraverso le video interviste il loro personale concetto di filantropia. E, con sorpresa, abbiamo appreso che i giovani di oggi, in vario modo, sono desiderosi di essere parte attiva nel settore dell’aiuto al prossimo in difficoltà”. Il programma del Festival vero e proprio prevede tre momenti. Il primo in piazza della Vittoria, nel cortile del Broletto, a partire dalle ore 15.30, dal titolo “Storie di ordinaria filantropia”. Si tratta di un momento di confronto che vedrà l’intervento di vari ospiti e che sarà aperto dall’esibizione dell’Orchestra Invisibile, gruppo musicale fondato nel 2005 a Cascina Rossago, in Ponte Nizza, nel contesto della prima farm community italiana pensata appositamente per le possibilità e le esigenze delle persone con autismo. A seguire l’intervento di Giancarlo Vitali, presidente della Fondazione Comunitaria, che si soffermerà sul ruolo della Fondazione nel nostro contesto sociale e territoriale. Prenderanno il via, quindi, alcune testimonianze significative sui progetti che la Fondazione ha contribuito a realizzare nei settori della ricerca scientifica, del sociale e della cultura: al microfono si alterneranno Luigi Oltrona Visconti, Direttore dell’Unità Complessa di Cardiologia del San Matteo; Mas-simo Zanotti, presidente dell’Asso-ciazione “Un nuovo dono Onlus” e, per raccontare le “Storie di un patrimonio ritrovato”, due studentesse: Monica Pavarino del Liceo “Taramelli-Foscolo” di Pavia e Gaia Rizzardi dell’istituto “Bordo-ni” di Pavia. Subito dopo Renata Crotti introdurrà il dialogo degli studenti impegnati nel progetto con Sergio Urbani, Direttore Generale di Fon-dazione Cariplo, sul tema della filantropia. Chiuderà il pomeriggio la visita alla cripta romanica, sede del Museo Diocesano (punto di ritrovo: Piazza Cavagneria). Il secondo momento si svolgerà ancora nel cortile del Broletto: dalle ore 19.30 alle ore 20.30 “Aperi-cena” con degustazione di prodotti tipici del territorio pavese presentati dagli studenti dell’Istituto “San-tachiara” di Stradella e Voghera e dell’Istituto “Cossa” di Pavia, con il supporto del Gruppo Alpini della Sezione Provinciale. Il terzo momento avrà per palcoscenico il sagrato del duomo, nel-l’omonima piazza, dove alle 21.00 andrà in scena il concerto “Musica con il cuore” con la Filantropica Orchestra. I componenti del Consiglio di Am-ministrazione della Fondazione e il segretario generale Pier Gior-gio Villani ringraziano fin da ora tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione del Festival. Per l’apericena e il concerto serale: posti a sedere fino ad esaurimento. È possibile commentare la giornata sui social utilizzando l’hashtag: #filantropiafest La comunicazione sui social media è seguita da Stefano Sgarella.

La sera in piazza Duomo il concerto “Musica con il cuore”

PAVIA – Sabato 4 maggio alle ore 21.00 con il concerto “Musica con il cuore” si concluderà la giornata del Festival della Filantropia organizzata e promossa dalla Fondazio-ne Comunitaria della Provincia di Pavia. Un momento solenne che vedrà sul sagrato del Duomo la compresenza di due corali storiche della città: le corali Giuseppe Verdi e Franco Vittadini, dirette dai Maestri Enzo Consogno, Enrico Zucca e Simone Solerio, che eseguiranno brani notissimi del repertorio melodrammatico. Saranno accompagnate per l’occasione da un’orchestra il cui nome sottolinea il senso della manifestazione che promuove i valori della solidarietà e dell’impegno sociale: la “Filantropica Orchestra”, diretta dal Maestro Maurizio Tam-bara. Le arie, che spazieranno da Carmen, a Rigoletto, Tosca e Na-bucco, vedranno l’alternarsi di quattro solisti d’eccezione: il soprano Renata Campanella, il mezzo soprano Veronica Esposito, il tenore Giorgio Casciarri e il baritono Alessio Verna. Un quartetto di interpreti di altissimo livello e dalle carriere in ascesa in importanti teatri e rassegne nazionali ed internazionali, quali il Ravenna Festival, l’Opera di Ro-ma, il Comunale di Bologna. Il concerto, ideato e coordinato artisticamente da Associazione Cro-ma 2000 e realizzato in collaborazione con Ultrapadum e InCanto in Musica spettacoli, sarà presentato da Angiolina Sensale. A lei il compito di introdurre lo spettatore all’ascolto dei diversi brani. La regia, è affidata a Malva Bogliotti. L’evento intende unire artisti e spettatori in un abbraccio i-deale che richiami l’attenzione sul valore della filantropia. Il supporto tecnico è affidato a “Non solo sound Servizi” di Claudio Cantoni. L’organizzazione del concerto è stata resa possibile grazie alla disposnibilità e all’impegno degli amministratori e dei tecnici del Co-mune di Pavia e degli Uffici di Cu-ria della Diocesi di Pavia. In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Duomo.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *