Sono tornate le cicogne a Castelnuovo

Visualizzazioni: 120

Una coppia di uccelli immortalata da Bruno De Faveri

CASTELNUOVO SCRIVIA – La tradizione vuole che le cicogne, animali beneauguranti e simboli di fecondità, “portino i bambini”.

Certo è che questi uccelli migratori, che di solito tornano nello stesso luogo ogni anno, in paese hanno portato una boccata d’ossigeno. Di solito questo tornare coincide con l’arrivo della primavera, il tempo della fioritura e della fertilità.

È stato il fotografo naturalista castelnovese Bruno De Faveri a immortalare con i suoi scatti una coppia che, da qualche giorno abita nella zona Buschi, delimitata dai campi di due cascine.

Spettacolo della natura che si unisce a un’altra vista che, poco più in là, riempie il cuore: è quella in zona Cantaberta. Attorno al neonato “Parco delle orchidee”, il “Parco del Po” ha provveduto in questi giorni alla piantumazione di una lunghissima siepe di biancospini e di altri arbusti tipici di Scrivia. «Un lato è rimasto scoperto – spiega lo studioso locale Antonello Brunetti – poiché si vuole ampliare la zona acquistando parte dei terreni che si trovano tra il Parco dei neonati e quello delle orchidee».

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *