Tre strumentazioni per Medicina

Visualizzazioni: 45

Il comitato “Tortona per Ospedale” procederà all’acquisto per il reparto grazie alle donazioni

TORTONA – L’attività del comitato “Tortona per Ospedale” prosegue anche nel 2023.

Proprio in questi giorni si sta procedendo all’acquisto di tre nuove attrezzature che saranno donate al nosocomio cittadino: un ossimetro per il monitoraggio non invasivo dei pazienti con insufficienza respiratoria cronica, del costo di 25 mila euro; un nuovo ecografo portatile del costo di 19.950 euro e due apparecchi per il trattamento semi intensivo di pazienti ricoverati con insufficienza respiratoria cronica post acuzie per un costo di 9.600 euro. La nuova strumentazione sarà destinata alla struttura complessa di Medicina Interna, diretta dal dottor Mario Dealessi, con lo scopo di implementare e ottimizzare l’attività medica diagnostica e terapeutica sia nel reparto sia per le attività ambulatoriali. Il comitato, coordinato dal sindaco Federico Chiodi, è stato costituito nel marzo 2020 per fronteggiare l’emergenza Covid raccogliendo fondi da destinare all’Ospedale di Tortona, in quei giorni convertito alla sola cura dei pazienti affetti dal virus e provenienti da tutto il Piemonte e per il suo futuro sviluppo una volta terminata la fase emergenziale.

In poche settimane, grazie alla generosità di privati e aziende tortonesi, era stato possibile raccogliere oltre un milione e duecentomila euro, in parte investiti in acquisti di materiali e attrezzature (prima dispositivi di protezione individuale per i sanitari, molto difficili da reperire in quelle settimane, poi apparecchiature e strumentazioni per potenziare l’attività ospedaliera) assolvendo alle richieste provenienti dall’Asl Al e dai medici dell’Ospedale, tutte vagliate e approvate dal comitato scientifico. È stato redatto, con una parte di tali fondi, anche uno studio, commissionato all’Università Bocconi, sul futuro assetto dei servizi ospedalieri. Gli ultimi acquisti, con le attrezzature donate in questi anni, resteranno, come da statuto, a disposizione dell’Ospedale cittadino.

Stefano Brocchetti

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *