Varzi avrà la sua Casa della Comunità

Visualizzazioni: 248

La struttura andrà ad affiancare l’ospedale

VARZI – Anche Varzi avrà la Casa della Comunità che andrà ad affiancare l’ospedale. La struttura potrebbe trovare posto nell’edificio che ospita attualmente le scuole medie che dall’anno prossimo saranno trasferite. Dunque una città sempre più a misura d’uomo e con una serie di servizi all’avanguardia con la nascita di questa nuova struttura sanitaria, promotrice di un modello di intervento multidisciplinare, nonché di luoghi privilegiati per la progettazione di interventi di carattere sociale e di integrazione sociosanitaria. La struttura, inserita nella cornice delle azioni previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è stata individuata nel mese di agosto in seguito a un sopralluogo tra Asst ed Ats in sinergia con il Comune di Varzi. Un percorso di valutazione per realizzare una Casa della Comunità nell’ambito delle attività di ascolto e mappatura dei bisogni di natura sociale e socio-assistenziale nel comprensorio dell’Alto Oltrepò. Due saranno le azioni: il rafforzamento del presidio sanitario ospedaliero di Varzi e l’istituzione di una Casa della Comunità. Tale struttura permetterà di essere il fulcro per tutti i servizi sanitari di base, nonché luogo di lavoro in equipe tra medico di Medicina generale e infermieri di Comunità, spazio per specialisti ambulatoriali e altri professionisti del settore sociosanitario.

La Casa di Comunità di Varzi sarà animata dagli infermieri di famiglia, già previsti nell’ambito della Strategia Nazionale delle Aree interne, rafforzati da specifiche previsioni di Asst ed Ats, che grazie alle sue conoscenze e competenze specialistiche nel settore delle cure primarie e della sanità pubblica, sarà potenzialmente la figura professionale responsabile dei processi infermieristici in famiglia e in Comunità. «Un percorso che il Comune di Varzi ha avviato con enorme determinazione – dichiara il sindaco Giovanni Palli – insieme ad Ats ed Asst confermando la forte attenzione per attivare un processo di welfare comunitario in continuità con il ventaglio di servi-zi come il segretariato sociale, l’infermiere di comunità e una rinnovata cooperazione con i medici di Medicina generale.

Lo scorso agosto, insieme ai tecnici, abbiamo attivato una ricognizione delle opportunità pubbliche per inserire un progetto di questa portata e centralità. In questo solco è stato effettuato un sopralluogo presso le scuole medie di Varzi che, già dal prossimo anno, saranno trasferite nel nuovo “Polo della Conoscenza” ove oggi sono presenti le scuole elementari e che, pertanto, rappresenta il luogo ideale per una sua riqualificazione».

Mattia Tanzi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *