La cena geniale di Johnson

Visualizzazioni: 56

Se ne avete sentito parlare ma non siete ancora convinti, spero di farvi cambiare idea: questa “Cena con delitto – Knives Out” è davvero una pellicola strepitosa, non a caso tra i migliori 10 film dell’anno, descritta dal regista Rian Johnson come una narrazione nel solco della tradizione delle grandi storie di delitti e investigatori. La firma di Johnson garantisce sempre qualcosa di sorprendente, oltre a un gran senso dell’umorismo. L’antefatto ricorda molto da vicino alcuni dei racconti più belli della produzione di Agatha Christie o di Arthur Conan Doyle: il romanziere 85enne Harlan Thrombey muore in circostanze misteriose e il detective Benoît Blanc ha il compito di indagare per capire se esiste un colpevole e, nel caso, trovarlo.

Come nei migliori gialli, ovviamente, la famiglia del defunto è numerosa e ogni membro avrebbe avuto un ottimo motivo per commettere l’omicidio. Ma vediamo le ragioni per andare a vederlo. Se siete appassionati lettori di gialli deduttivi, sicuramente la pellicola fa per voi che amate tuffarvi in un nostalgico passato abitato da lord e ladies accompagnati dalla servitù (o dal maggiordomo, primo sospettato). Ma qui viene il bello perché Johnson spolvera la formula e ambienta l’azione nel presente, in un facoltoso nucleo famigliare in cui la persona più vicina al ricco defunto è una giovane infermiera immigrata. Questo restituisce una satira intelligente e spassosa sulla società americana. E poi c’è un cast eccezionale, a partire da Daniel Craig (007) nei panni di un investigatore eccentrico e geniale che sprigiona un insolito carisma. Da Chris Evans a Jamie Lee Curtis e Don Johnson, da Tony Collette a Christopher Plummer e Michael Shannon, dallo schermo emerge il loro affiatamento ed entusiasmo per la vicenda.

La trama, piena di svolte e colpi di scena, chiude con un finale esplosivo che ricompensa l’attenzione del pubblico che guardando il film fa anche “lavorare il cervello” per tentare di giungere alla soluzione.

Matteo Coggiola

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *