Voghera, nuovi arredi per il teatro “Sociale”

Visualizzazioni: 7

Garlaschelli: «Nei prossimi giorni la posa dei rivestimenti dei palchetti»

VOGHERA – Una notizia positiva per il teatro “Sociale” di Voghera, un edificio storico la cui apertura è attesa da tutti i cittadini vogheresi e non solo. È stato assegnato l’appalto per i nuovi arredi alla ditta Eredi Caloi di Pieve di Soligo, in provincia di Treviso, una delle aziende più prestigiose per la fornitura di arredi per i teatri. L’intervento ammonta a 169 mila euro.

«I lavori del teatro “Sociale” stanno procedendo, nei prossimi giorni verrà iniziata la posa dei rivestimenti dei palchetti. – afferma la sindaca di Voghera Paola Garlaschelli – Gli interventi attualmente in corso sono interamente finanziati e ora, grazie all’ottenimento dei fondi derivanti da un bando promosso da Regione Lombardia, siamo riusciti ad acquistare anche gli arredi».

«Continua a restare escluso il recupero del loggione e del foyer, aree che necessitano di ulteriori finanziamenti attualmente non disponibili – aggiunge la Garlaschelli – ma in relazione ai quali l’attenzione del-

l’amministrazione è alta e volta a ricercare bandi o possibili investitori dai quali recuperare le risorse necessarie». Per arrivare alla conclusione del recupero totale del teatro dovranno essere realizzate le opere di restauro dei palchetti, degli altorilievi e altri lavori.

Il teatro “Sociale” di Voghera sorse tra il 1842 e il 1845 sull’area delimitata da piazza Duomo e via Emilia, tra la casa Boccardi e l’attuale via Gioacchino Dell’Isola. L’opera fu finanziata con un sussidio di 25.000 lire messo a disposizione dal Comune di Voghera, che si sommò al guadagno proveniente dalla vendita dei palchi, mediante estrazione a sorte tra gli azionisti. Negli anni seguenti il Municipio vogherese s’impegnò nell’ampliamento dello stabile attraverso l’acquisto delle case a esso adiacenti. La sala teatrale, progettata per circa 1200 persone, presenta un triplice ordine di palchi, con sovrastante loggione e platea.

Il piano di platea era originariamente mobile e molto inclinato e in occasione delle esibizioni di danza era rialzato a livello. Le decorazioni della sala a rilievi dorati sono in legno e cartapesta, come pure le membrature attorno ai cassettoni del proscenio, molto simili a quello del teatro alla Scala. I palchi, 62 in totale, sono disposti su tre ordini: 18 palchi nel primo ordine, 18 nel secondo e 20 nel terzo, a cui si aggiunge una coppia di palchi di proscenio. Il teatro venne chiuso nel 1986 e da allora i cittadini vogheresi sognano di poter vedere il sipario rialzato.

Mattia Tanzi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *