Toscana e Basilicata “amiche” di Pozzolo

Visualizzazioni: 44

POZZOLO FORMIGARO – Il fine settimana appena trascorso è stato all’insegna dell’amicizia e della fratellanza. Il paese, infatti, ha rinsaldato i rapporti con tre realtà con le quali ha intrecciato importanti rapporti in questi anni.

Si tratta dei Comuni di Dignano in Croazia, San Chirico Nuovo in Basilicata e Roccastrada in Toscana. Se la delegazione croata, a causa della emergenza sanitaria, non ha potuto essere presente e ha inviato, attraverso Klaudio Vitasovic, un messaggio, i rappresentanti delle comunità lucana e toscana hanno preso parte a un fine settimana ricco di iniziative culturali e di spettacolo. L’incontro si è svolto grazie alla collaborazione con la Pro Loco pozzolese, già attiva nell’organizzazione delle manifestazioni esti-ve e al grande impegno dell’assessore alla Cultura, Lorenzo Caramagna. Venerdì 4 si è tenuto il momento ufficiale di presentazione del “Weekend dell’amicizia”.

Con il saluto del sindaco di Pozzolo, Mimmo Miloscio, la cui famiglia è originaria proprio del paese lucano in provincia di Potenza, ai rappresentanti delle tre comunità. La sera protagonista è stata la musica con la performance di Fabio Miloscio. Sabato 5 settembre nell’aula consigliare è stato ricordato il sacerdote pozzolese don Biagio Bailo e la sua esperienza a Roccastrada, in provincia di Grosseto. Don Bailo era un prete per gli ultimi, che ha dedicato la sua esistenza a Dio e all’uomo, come testimone del vangelo. Ha lasciato Pozzolo per la Toscana e in quella comunità che edificato opere e seminato bontà. A oltre cinquant’anni dalla sua morte, è ancora viva la sua memoria a Pozzolo che lo ha voluto ricordare. Nel pomeriggio, le tre delegazioni sono state in visita presso realtà culturali e produttive della zona, in collaborazione con il consorzio “Terre di Fausto Coppi”. La serata, infine, al Castello medievale ha ospitato, per la prima volta, la celebre opera teatrale “Amleto”, di William Shakespeare, messa in scena dalla Compagnia lombarda “Spettacolo senza mura”.

Luca Rolandi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *