Se ne è andata la poetessa che aiutava gli altri

Visualizzazioni: 994

Rosina Sclavi, morta a 82 anni, era impegnata nel volontariato

CANNETO PAVESE – Con le sue poesie, rigorosamente in dialetto e dedicate alla sua terra e al suo paese, ha donato sorrisi e momenti lieti a tante persone.

A comporle e a declamarle in numerose occasioni era Rosina Sclavi, scomparsa all’età di 82 anni, i cui funerali si sono svolti venerdì 6 marzo, in forma strettamente privata a causa dell’emergenza Coronavirus, nella piccola chiesa di Monteveneroso, frazione di Canneto. Le sue opere erano veri e propri inni all’importanza delle tradizioni, delle radici, al legame con il proprio borgo.

Ma nella sua vita Rosina ha dato grande spazio anche agli altri, specie ai più bisognosi, svolgendo un’assidua opera nel volontariato: nella Croce Rossa di Stradella per lunghi anni, nella Pro loco di Canneto, nell’associazione “Volontari di Prima collina” nata con lo scopo di fornire servizi alla popolazione anziana dei comuni di Canneto, Montescano e Castana.

Su tutto la sua famiglia che ha servito e amato fino all’ultimo: il figlio Gino con Carla, la figlia Alessandra con Gianni, i nipoti Matteo con Alice, Valentina con Luca, Nicolò e Simone.

Ultimo segno della sua generosità la scelta di essere ricordata attraverso un aiuto concreto alla Croce Rossa di Stradella, al posto dei fiori.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *