Preghiera e ascolto della Parola: i semi della “Missione Giovani”

Visualizzazioni: 164

Dal 10 al 19 novembre la città di Novi ha ospitato un gruppo di suore e frati francescani, accompagnati da diversi giovani provenienti da varie parti d’Italia

NOVI LIGURE – “Il seminatore uscì a seminare”. Non c’è frase che possa sintetizzare meglio cosa sia stata la Missione Giovani a Novi Ligure.

Per dieci giorni i frati, le suore e i giovani francescani sono stati piedi e mani del Seminatore. Hanno raggiunto ragazzi e giovani per le strade e le piazze, nei locali e in stazione, fuori e dentro le scuole. Sono stati con loro, con loro hanno parlato, li hanno invitati alle catechesi serali. Coloro che hanno accettato questo invito hanno ascoltato parole di speranza per la loro vita, parole forti e anche esigenti, ma soprattutto hanno potuto capire che dietro quelle parole c’era un volto, quello di Gesù, e intravedere con quale sguardo sempre li cerca e li guarda.

Alla fine di ogni catechesi ci siamo messi davanti a quel volto, a quella presenza, nell’adorazione eucaristica presso la chiesa di San Nicolò, raggiungendo quanti erano rimasti in preghiera, durante tutto il tempo della catechesi. Questo è stato il centro della Missione Giovani.

Intorno ad esso, però, tantissime altre cose sono accadute.

Tanti sono stati edificati dalla presenza e dall’incontro con i missionari. Numerose persone hanno dato il loro contributo perché questa Missione potesse svolgersi bene: chi ha organizzato pranzi e cene; chi ha ospitato i missionari, facendo spazio nelle loro case; chi ha affiancato i missionari nell’andare incontro ai giovani; chi ha pregato per la buona riuscita della missione. A tutti va rivolto un grande grazie!

Abbiamo constatato che il Signore, che mai si fa battere in generosità, ha avuto doni per ciascuno di loro. Missionari compresi! Annunciare il Vangelo è dono prima di tutto per chi annuncia, perché vede che il Signore è presente e vivo in ciò che opera nei cuori, e i dubbi della fede che ogni vero credente porta nel cuore sono vinti: il Signore è davvero risorto, è vivo e presente!

Quanto raccontato è la descrizione solo della mano del Seminatore. Il nostro sguardo arriva fino a lì. Cosa sia successo ai tantissimi semi lanciati è un segreto che resta tra il cuore del Seminatore e il cuore di chi ha accolto il seme. Qualcuno ci ha confidato cosa è successo nel suo cuore e ha accettato di scriverci qualcosa.

Un grazie a coloro che ci hanno regalato la loro testimonianza che vi proponiamo.

Resta una domanda: E ora? Ora che la Missione Giovani a Novi Ligure è terminata? Ora che i Missionari Francescani se ne sono andati? Che cosa succederà?

Anche in questo caso, non ci è dato vedere tutti i frutti che sono nati e che nasceranno. Possiamo offrire un modo, per chi vuole, per prendersi cura di ciò che ha ricevuto, per quei ragazzi e giovani che vogliono continuare a vivere in compagnia di quello sguardo d’amore su di loro e sulla loro vita.

Il cammino prosegue, o forse inizia davvero.

Non si può camminare da soli.

Vogliamo continuare ad ascoltare insieme la Parola del Signore Gesù, che ci ha illuminato durante le catechesi missionarie.

Lo faremo due venerdì al mese, alle ore 21, alla Casa del Giovane di Novi Ligure (tranne l’incontro del 15 dicembre che sarà presso il teatro della chiesa di Sant’Antonio) secondo il seguente calendario: 1° e 15 dicembre; 5 e 19 gennaio; 2 e 16 febbraio; 1° e 15 marzo; 5 e 19 aprile.

La Missione Giovani è terminata, ma l’amore di Dio è tutto da scoprire e da vivere.

Don Massimo Bianchi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *