Non dite niente a Melina

Visualizzazioni: 129

Di Carlo Zeme

Viviamo in un mondo che sempre di più decide di sfondare la quarta parete e di farci salire sul palcoscenico. Viviamo in un mondo nel quale a volte il backstage è più interessante di quello che accade sotto i riflettori. Sono pronto dunque, alla sedicesima puntata della “Vita da Papà”, a svelarvi una verità importante: senza mia moglie Melina questa rubrica sarebbe quasi impossibile da portare avanti. Melina spesso mi dà lo spunto per iniziare a scrivere, magari in un momento qualsiasi mi dice: «Secondo me potresti parlare di questo…» E poi continuiamo a fare la spesa al supermercato sotto casa oppure ci diamo la buonanotte al termine di una lunga giornata. Melina mi corregge le bozze con pazienza e omertà per non far sapere al mondo che suo marito a volte scrive a senza l’acca. Melina ha un sorriso che incanta grandi (il sottoscritto) e piccini (Margherita con i suoi 6 mesi nuovi di pacca). Melina quando è giù di corda svolge un numero di attività equivalenti al mio picco massimo di benessere psicofisico. Melina fa un sacco di altre cose, e io ve le sto raccontando undici giorni dopo la Festa della mamma perché nella vita sono un ritardatario cronico e colgo l’occasione per chiedere scusa a tutti quegli amici a cui ho scritto messaggi del tipo: “Sto arrivando” e in realtà ero ancora in pigiama. Manca l’ultimo tassello: come nascondere a Melina questa puntata della rubrica senza farla insospettire? Qui entrano in gioco piccole bugie bianche a fin di bene, metterò in mezzo la redazione e direzione de Il Popolo che propri ’sta settimana avevano una strana fretta di chiudere il giornale un paio di giorni prima (?!), e come direbbe Orson Welles, “È la stampa, bellezza…”. Scusatemi, forse sono stato un po’ melenso e stucchevole, forse non è così corretto usare il mezzo pubblico per scopi personali, ma vi assicuro che la mia “Vita da papà” è molto bella perché condivisa.

carlo.zeme@gmail.com

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *