“Il frutto dell’amore è il servizio”

Visualizzazioni: 104

Stefano Gabriele, di “Ascolta l’Africa”, in partenza da Novi per la missione di Murayi in Burundi

“Il frutto dell’amore è il servizio”

NOVI LIGURE – Il “frutto dell’amore è il servizio”. Questo è slogan che l’associazione “Ascolta l’Africa”, nata nel 2004 da un’idea di un gruppo di ragazzi della “Casa del Giovane” della parrocchia novese di San Pietro, ha scelto per fare ritorno a Murayi, in Burundi, ad agosto. Il legame, iniziato tanti anni fa, continua e si è trasformato in un sostegno costante al popolo africano. Un aiuto che «serve più a chi lo offre» e che deve continuare, perché la fame dei bambini africani non è ancora stata sconfitta. Uno dei “fondatori” dell’associazione, Stefano Gabriele, assessore nella precedente legislatura novese, partirà da solo dall’Italia il 9 agosto per raggiungere Murayi e tornerà il 6 settembre.

Scopo di questa “missione in solitaria” a nome di “Ascolta l’Africa”, è quella di portare avanti i progetti che sono stati interrotti a causa della pandemia da Covid, che ha reso impossibile raggiungere la missione lo scorso anno.

«Tra questi c’è sicuramente la manutenzione, l’ampliamento e il potenziamento dell’acquedotto – ha spiegato Stefano – con l’introduzione di tre nuovi lavatoi, ben sapendo l’importanza dell’acqua in quelle zone. Un altro compito è quello del pagamento dello stipendio degli operai e degli educatori che lavorano tutto l’anno nella struttura. Poi, bisogna cercare di sbloccare i campi di lavoro che si sono interrotti per mancanza di fondi sia l’anno scorso sia quest’anno per l’impossibilità di organizzare delle iniziative». «L’aspetto più doloroso che mi ha fatto decidere di partire – continua Stefano con un pizzico di commozione – è stata la mancata attuazione del progetto denominato “Nutrizione”. In base alla somma che si riesce a raccogliere si potrà dare da mangiare ai bambini tramite due pasti al mese o uno alla settimana; i bambini interessati sono circa 600, tutti frequentanti le scuole gestite dalle suore.

La mia “missione” è quella di portare più denaro possibile a questi bambini che chiedono solo di mangiare qualcosa». Quanti vogliono contribuire, con possibilità di detrazione fiscale, possono farlo con un assegno bancario intestato all’associazione “Ascolta l’Africa Onlus” oppure con bonifico bancario (IBAN: IT71M030690960-6100000112641) a Intesa San Pao- lo, con la causale “donazione per progetti Ascolta l’Africa”.

È possibile anche inviare un contributo in contanti, contattando Stefano (tel. 335 5461997) o rivol- gendosi all’ufficio parrocchiale, in via Libarna 2, a Novi (tel. 0143 2526). Tutti possono affidare nelle sue mani un aiuto per la popolazione che vive a Murayi.

Vittorio Daghino

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *