Il “Brera” valorizza piazza Libertà

Visualizzazioni: 131

La riqualificazione dello storico spazio di Volpedo

VOLPEDO – Il Comune e l’Accademia di Brera, insieme, valorizzeranno piazza Libertà, la più importante del paese che ha dato i natali a Giuseppe Pellizza e che lo stesso artista ha raffigurato nelle sue opere.

È stato firmato, infatti, l’accordo fra il sindaco di Volpedo, Elisa Giardini, e Giovanni Jovane, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera per un intervento di studio e di ricerca su questa storica piazza: nello specifico la collaborazione si colloca all’interno della didattica con allievi e docenti della prestigiosa accademia, con l’obiettivo di ricerca e di ideazione di soluzioni pittoriche e di arredo urbano sul complesso della realtà edilizia della piazza, intervenendo soprattutto sulle facciate esistenti secondo l’antica tradizione della pittura murale. «I murales moderni sono una forma d’arte visiva realizzata su superfici murarie, un’antichissima tradizione che recentemente ha ripreso vigore con interventi vari sulle facciate degli edifici: – spiegano i curatori del progetto – non si tratta in questa fattispecie di “street art”, e nemmeno di redazione di un piano colore, ma di ideare soluzioni che riguardino l’aspetto complessivo della piazza con tinteggiatura e/o decorazioni». Ciascun allievo o gruppo di allievi dovrà concepire il progetto come e- steso su tutta la superficie edilizia che si affaccia sulla piazza con un intervento specifico purché coerente con il sistema estetico complessivo. Al termine sarà realizzata una mostra dei lavori e una pubblicazione.

Un nutrito gruppo di studenti dell’Accademia di Brera è già stato a Volpedo per compiere una prima visita ed è stato affiancato da un esperto del colore della ditta Boero, partner del Comune, e da Aurora Scotti, presidente dell’associazione “Pellizza da Volpedo”. L’iniziativa, sotto l’egida del Comune di Volpedo e dell’Accademia di Belle Arti di Milano, sarà condotta dallo stesso sindaco volpedese Elisa Giardini, da Alberto Maria Prina, già docente di Urban Design all’Accademia di Brera, e da Maurizio Arcangeli e Clara Bonfiglio, altri due docenti della scuola artistica milanese.

Alessandra Dellacà

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *