Conclusi i restauri di S. Maria della Pietà

Visualizzazioni: 52

Grazie al sostegno della Fondazione CR Torino

VIGUZZOLO – La cappella di Santa Maria della Pietà a Volpeglino è uno dei piccoli tesori che valorizzano dal punto di vista religioso, artistico e culturale il nostro territorio. Lunedì 1° aprile i fedeli che hanno partecipato alla tradizionale Messa di Pasquetta hanno potuto ammirare il portone finalmente restaurato e la nuova dotazione di sei panche in noce. Con questi lavori si conclude il ciclo di restauri di questo piccolo gioiello, incastonato tra le colline del territorio tortonese. Terminato nel 2019 il restauro interno ed esterno, rimaneva da ultimare un portone ottocentesco consumato dagli agenti atmosferici e molto rovinato, tanto da dubitare di poterlo recuperare. La ditta di restauri “Regoli” di Gavi è riuscita nell’impresa restituendo alla popolazione un manufatto restaurato a regola d’arte, rispettoso delle indicazioni della Soprintendenza per l’Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio del Piemonte. Sono così terminati i restauri che hanno interessato la cappella ottocentesca, lasciata in eredità alla parrocchia nel 1930. La piccola chiesa custodisce un bellissimo altorilievo attribuito allo scultore vogherese Antonio Minghetti, morto nel 1964 dopo aver lasciato anche alcune pregevoli opere in Terra Santa e nella stessa Voghera tra cui le quattro statue degli evangelisti presenti nel Duomo. Durante l’inaugurazione il parroco don Gino Bava ha ringraziato i collaboratori, la Ditta Regoli per la professionalità, la Soprintendenza di Torino e in modo particolare la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino che, dopo aver a suo tempo contribuito al finanziamento del restauro della cappella, ha anche contribuito ultimamente alle spese per il recupero del portone con il contributo di 1.500 euro. La Fondazione, con il suo benemerito bando “Cantieri diffusi”, sostiene da tempo la conservazione del patrimonio artistico del Piemonte, senza trascurare anche questi interventi che qualcuno definirebbe minori, ma che rivestono una grande importanza per la popolazione locale, per l’offerta turistica e per la conservazione del patrimonio culturale della Regione.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *