Beato Bernardo di Gesù

Visualizzazioni: 319

DI DANIELA CATALANO

Il beato di questa settimana, Bernardo Maria di Gesù, era un sacerdote passionista, beatificato da san Giovanni Paolo II il 16 ottobre 1988 e ricordato dalla Chiesa il 9 dicembre. Al secolo Cesare Silvestrelli nacque a Roma il 7 novembre 1831 in un’agiata famiglia; la madre era una marchesa originaria di Casale Monferrato. Ricevette un’educazione privata prima di proseguire gli studi al Collegio Romano dei Gesuiti. Il 13 agosto 1848 rimase orfano della madre e l’11 novembre 1853 del padre. Si racconta che quando era ventenne pernottò per qualche giorno in un istituto passionista a Sant’Angelo sul Fogliano e rimase talmente colpito dalla spiritualità che vi trovò, da decidere di appartenere alla congregazione della Passione di Gesù Cristo, fondata da san Paolo della Croce nel 1720. Entrò nella casa del noviziato sul Monte Argentario il 25 marzo 1854 e iniziò il periodo di formazione con il nome di Luigi del Sacro Cuore di Maria. Fu ordinato sacerdote il 22 dicembre 1855. Fu compagno di noviziato di Francesco Possenti, futuro san Gabriele dell’Addolorata. Emise la professione religiosa il 28 aprile 1857, prendendo il nome di Bernardo di Gesù. Nel 1869 fu eletto Superiore della Casa Generalizia di Roma e il 20 settembre 1870 fu accanto al Papa durante l’assedio di Porta Pia. Pur vivendo in tempi difficili per la Chiesa, il beato fu sempre una guida per i Passionisti, di cui nel 1878 divenne Preposito Generale, rieletto per quasi 30 anni, fino al 1907, quando si ritirò a vita contemplativa. Grazie alla sua guida, alle sue doti e alla sua generosità, la congregazione rifiorì e furono aperte nuove case in Italia e all’estero. A lui si deve la costruzione del santuario di Nettuno, dedicato a santa Maria Goretti. Morì cadendo dalle scale, il 9 dicembre 1911 a Moricone, vicino a Roma, dove fu sepolto.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *