“Rebecca” lontana da Hitchcock

Visualizzazioni: 104

“Rebecca” è il nuovo film di Ben Wheatley, distribuito da Netflix e remake del capolavoro di Alfred Hitchcock. Quest’ultimo, ispiratosi al romanzo gotico scritto da Daphne du Maurier e pubblicato nel 1938, “Rebecca, la prima moglie”, fece dell’opera letteraria su cui si basava il miglior adattamento cinematografico possibile. Thriller e melodramma si bilanciavano benissimo nella prima versione di questa storia.

La trasposizione di Wheatley prova a eguagliare i fasti del suo più famoso predecessore ma non riesce ad andarci nemmeno vicino, muovendosi più nei territori del dramma sentimentale e della soap opera che in quelli del thriller psicologico. Una giovane dama di compagnia (Lily James) sta passando un periodo di vacanze a Montecarlo con la detestabile Edythe Van Hopper. Lì fa la conoscenza dell’aristocratico inglese Maxim de Winter (Armie Hammer), vedovo ricchissimo, prestante ma dall’animo tormentato, lontano dall’aver superato il dolore per la perdita della moglie Rebecca. I due si fanno trascinare in un’inaspettata storia d’amore e Maxim decide di sposarla, portandola nell’antica magione di famiglia, Manderley. Ad aspettarla trova uno stuolo di servitori guidati dalla rigidissima Mrs. Danvers e l’ingombrante ricordo della bellissima, affascinante e brillante Rebecca. Una prima moglie che, sembra, è stata quello che lei non sarà mai e che ora la perseguita con la sua indelebile presenza. L’amore tra la ragazza e Maxim verrà messo a dura prova dal fantasma di una donna che non c’è più, ma anche da un terribile segreto, sepolto nel passato della casa e dei suoi abitanti. È impossibile allontanarsi dal confronto con il capolavoro di Hitchcock, di cui il film cerca di seguire le orme. Una scelta vincente sarebbe stata quella di sovvertirlo il più possibile, cercando un’identità propria, magari esplorando nuovi temi. Poco convincenti le interpretazioni dei protagonisti. Resta il fatto che siamo davanti a una storia affascinante e senza tempo.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *