L’istituto “Santachiara” ringrazia la presidente Pinuccia Barbieri Rossi

Visualizzazioni: 72

Dal 5 settembre ha lasciato il suo incarico affidato dal vescovo a don Larocca

TORTONA – Lo scorso 5 settembre il vescovo Mons. Guido Marini ha nominato don Francesco Larocca presidente dell’istituto “Santachiara – O.D.P.F.”, con sede a Tortona, per il triennio 2022 – 2025, essendo scaduto il mandato di Pinuccia Barbieri Rossi che per 49 anni, dal 1973, si è dedicata con impegno e con passione alla scuola diocesana, inizialmente come docente, poi come direttore delle sedi e delle attività del Centro di Formazione Professionale (CFP) di Stradella e di Voghera e, infine, fino a oggi, come presidente.

Don Larocca racconta di aver conosciuto Pinuccia quando frequentava l’Azione Cattolica e partecipava ai campi estivi nella casa alpina “La Montanara”, sia come giovane sia come seminarista. «Un rapporto più stretto con lei – spiega don Francesco – è cominciato con il mio servizio di legale rappresentante dell’O.D.P.F., ente che si occupa sia del “Santachiara” sia della Casa Alpina e di altre attività diocesane. Essendo la parte scolastica preponderante nelle attività dell’ente, la collaborazione è stata da subito molto intensa e mi ha permesso di constatare da vicino l’abnegazione e il profondo senso di servizio alla Diocesi alla base del suo lavoro.

Da lei ho imparato molto sui diversi progetti portati avanti insieme in questi sei anni di condivisione della responsabilità; in particolare la ricerca e l’acquisizione della nuova sede scolastica di Stradella e il progetto di fusione con l’istituto “Gavina”». «Mi sento onorato – conclude – di poter portare avanti la ricca eredità umana e professionale che Pinuccia lascia al nostro ente: è la base su cui continuare a lavorare per offrire alle famiglie e alla Chiesa un servizio bello che affonda le radici nell’opera iniziato nel dopo guerra da Mons. Aldo Del Monte».

Stefania Fecchio, direttrice delle Sedi CFP di Voghera e Stradella, ha detto di essere grata alla presidente, per l’accompagnamento e il sostegno al suo ventennale lavoro, nelle sedi lombarde nelle quali le attività sono cresciute anno dopo anno, anche grazie a una sua puntuale comprensione delle esigenze dei tempi e alle sue sollecitazioni, con l’ampliamento dei corsi di Istruzione e Formazione Professionale a nuovi settori e dei Servizi di Orientamento e Lavoro, presenti e consolidati nelle sedi di Stradella, Voghera e Como e a breve anche nella sede di Broni.

«La sua guida – afferma – mi ha fornito lo stimolo continuo a lavorare in un clima trasparente e a fare miei i principi secondo i quali la diversità è ricchezza e una casa comune si costruisce realizzando unità proprio nella diversità. Personalmente raccolgo la sua forte sollecitazione ad avere coraggio e lungimiranza per non essere passivi di fronte alle difficoltà cogliendo il momento per cambiare e innovare, per rispondere alle nuove esigenze nell’ambito della formazione dei giovani, senza mai trascurare gli aspetti culturali ed educativi».

Cristina Montagnoli, direttrice dell’Agenzia Formativa di Tortona, ricorda di aver conosciuto Pinuccia Barbieri Rossi nel 2004 quando aveva iniziato a lavorare per l’Agenzia formativa, avviata nel 2002, con l’apertura prima della scuola alberghiera e successivamente della scuola di estetica.

Nel corso degli anni, e sotto la sua guida, la sede ha ampliato l’offerta con i corsi per adulti e con l’avvio dei Servizi al Lavoro.

La sua attenzione è stata rivolta anche alle persone diversamente abili e ai fragili, con la ricerca di progetti specifici di inclusione e sostegno. «Di lei – dice Cristina – mi han- no sempre colpito la competenza e la rapidità nell’approfondire tematiche complesse, la visione strategica con cui indicare il cammino da compiere e la determinazione nell’affrontare sfide e problemi. A tutti noi ha insegnato a lavorare con responsabilità verso gli studenti e le loro famiglie e a dialogare con il territorio e la comunità e le sarò sempre riconoscente per la fiducia che mi ha dimostrato in questi anni».

Una parte del “Santachiara” è riservata ai servizi educativi della prima infanzia da 0 a 6 anni. A Tortona era presente una scuola dell’infanzia paritaria e dal settembre 2017 il “Santachiara” si è dedicato alla progettazione per l’acquisizione degli asili nido comunali cittadini. Da quel momento Lorena Gatti, direttrice dei Servizi Infanzia di Tortona, ha iniziato a lavorare a più stretto contatto con la presidente Barbieri, trovando grande disponibilità, comprensione e accoglienza. «L’amore per i bambini e l’attenzione rivolta a soddisfare i bisogni delle famiglie – precisa Lorena – sono stati i punti sui quali ha deciso di orientare le scelte progettuali. Ha sempre chiesto di lavorare con precisione e serietà e nel rispetto dei ruoli, permettendo a tutti di esprimersi al meglio e nella gestione delle sue responsabilità ha dimostrato grande entusiasmo e spirito di collaborazione. Il suo senso del dovere, l’amore per il suo lavoro e il rispetto per il lavoro di tutti sono l’insegnamento più bello che cercherò di seguire».

In una recente relazione, la presidente ricordava ai suoi collaboratori come la pedagogia operante nei vangeli cammini su due strade: quella personale che chiede a ciascuno di agire dando il meglio di sé e quella comunitaria che chiede alla struttura di organizzarsi in ragione della funzionalità rispetto a obiettivi elaborati insieme, condivisi secondo criteri sinodali «e valutati attraverso una lettura profetica di quelli che Papa Roncalli chiamava i “segni dei tempi”». «Di questa sua capacità di lettura – sottolineano Stefania Fecchio, Cristina Montagnoli e Lorena Gatti – noi avremo ancora bisogno e siamo certe che troveremo in lei un ascolto attento» anche adesso che si godrà il meritato riposo e l’affetto dei suoi nipoti.

Daniela Catalano

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *