“Le Streghe” di Zemeckis

Visualizzazioni: 147

La chiusura dei cinema non ha comunque fermato la corsa dell’atteso “Le Streghe” di Robert Zemeckis, disponibile su diverse piattaforme streaming come “Amazon Prime Video”, “Apple TV”, “SkyPrimafila” e “Infinity”. È stato lo stesso Zemeckis a scrivere la sceneggiatura dell’adattamento dal romanzo di Roald Dahl (già portato al cinema nel 1990 con “Chi ha paura delle streghe”).

Lo ha fatto insieme a Guillermo del Toro, che produce il film, e ad Alfonso Cuarón. E si nota l’approccio del regista messicano nel tono da fiaba che accompagna la storia del giovanissimo protagonista, diventato orfano in seguito a un incidente prima di arrivare al suo ottavo Natale. Siamo nel 1968 in una cittadina rurale dell’Alabama e il ragazzo va a vivere con la nonna, che però lo trascina via da lì quando si imbattono in alcune streghe. Ma le cose non vanno meglio nella sfarzosa località balneare in cui si trasferiscono, perché vi arrivano proprio mentre si è riunita una congrega di streghe da tutto il mondo. La mano di Robert Zemeckis è sicura nel gestire i diversi momenti della storia, almeno fino a un certo punto: perfetto nel tono fiabesco dell’incipit e del racconto, brillante nell’uso degli effetti visivi e di trucco, fluido nel gestire i passaggi da una sequenza all’altra del film, dinamico e ritmato nella fase finale, in cui l’anima più rocambolesca e d’azione prende il sopravvento. Quest’ultima è forse la parte meno riuscita e incisiva, dove il regista si lascia andare al puro divertimento, finendo per non raccogliere i frutti dell’ottimo lavoro messo in piedi per i primi spezzoni. “Le Streghe” resta un film che sa intrattenere il pubblico con un ottimo spettacolo visivo, e per questo la visione ci lascia con un pizzico di rammarico per non aver potuto goderne nel buio di una sala. Un cast di ottimo livello, da Octavia Spencer a Stanley Tucci, fino a una Anne Hathaway, contribuisce a un positivo giudizio della pellicola. Che resta, comunque, una favola perché le streghe – meglio ribadirlo sempre – non esistono!

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *