La Milano-Sanremo omaggia i Campionissimi

Visualizzazioni: 270

Si apre sabato la stagione delle grandi classiche del ciclismo con una novità: il via da Abbiategrasso

Il calendario delle Classiche monumento del ciclismo si apre con la tradizionale Milano-Sanremo, in programma sabato 18 marzo. La “Classicissima di primavera”, giunta alla sua edizione numero 114, presenta una novità importante, perché partirà da Abbiategrasso (alle ore 10.10), dunque non più dal capoluogo lombardo. Dopo aver costeggiato il Ticino (con passaggi a Bereguardo e Torre d’Isola), i corridori torneranno sul percorso originario a Pavia, dove il passaggio, secondo l’andatura, è previsto tra le 10.45 e le 10.48. Da lì la corsa proseguirà lungo il suo tragitto originale, quindi non ci saranno delle grosse novità per gli appassionati della nostra Diocesi.

Il passaggio sul ponte del Po a Bressana (tra le 10.57 e le 11.01) segnerà l’ingresso in Oltrepò pavese, con gli atleti che transiteranno a Casteggio (11.14-11.20), Montebello della Battaglia, Voghera (11.29-11.37), dove saranno attraversate via Piacenza, via Amendola, piazzale Quarleri, via Emilia, piazza Meardi, corso Fratelli Rosselli e via Tortona. Quindi l’ingresso in Piemonte a Pontecurone (11.39-11.48, via Emilia, via Gramsci, corso Tortona) e Tortona (11.52-12.02), con il passaggio in corso Alessandria fino al ponte sullo Scrivia.

La città vivrà il primo dei grandi momenti di ciclismo, che poi vedranno mercoledì 17 maggio l’arrivo dell’11ª tappa del Giro d’Italia, con partenza da Camaiore, e il 1° luglio 2024 il passaggio della 3ª frazione del Tour de France, la Piacenza-Torino.

Dopo Tortona sarà la volta di Pozzolo Formigaro (via Roma, 12.15-12.28), Novi Ligure (via Mazzini, piazza della Repubblica, 12.21-12.34), Basaluzzo (12.30-12.45), Capriata d’Orba (12.38-12.53), Castelletto d’Orba, Silvano d’Orba (12.46-13.05). A Novi si transiterà davanti al Museo dei Campionissimi per celebrare Serse e Fausto Coppi e Costante Girardengo. Poi giù fino ad Ovada (12.55-13.11), il passo del Turchino per scendere su Genova a Voltri. Si procede quindi verso ovest accanto al mare lungo la statale Aurelia attraverso Varazze, Savona, Albenga (non si percorre la salita delle Manie inserita dal 2008 al 2013) fino a raggiungere Imperia. A San Lorenzo al Mare, dopo la classica sequenza dei Capi (Mele, Cervo e Berta), si affrontano le due salite inserite negli ultimi decenni: Cipressa (1982) e Poggio di Sanremo (1961). La Cipressa supera 5.6 km al 4.1% per immettere nella discesa molto tecnica che riporta sulla statale Aurelia. A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3.7 km a meno del 4% di media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La discesa è molto impegnativa su strada asfaltata, ristretta in alcuni passaggi, con un susseguirsi di tornanti e di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Ultimi 2 km su lunghi viali fino al traguardo di via Roma.

Al via della Classicissima ci saranno 18 Uci World Team, cioè le squadre più importanti del panorama ciclistico mondiale e 7 formazioni invitate dall’organizzazione. A partire da quest’anno e fino al 2025 le grandi classiche di ciclismo targate RCS Sport avranno un nuovo compagno di viaggio, Crédit Agricole Italia.

Franco Scabrosetti

Illustrazione di Maurizio Immovilli
Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *