La Casoeula in Valle Staffora

Visualizzazioni: 139

“Ristorante Staffora”
Frazione Casanova Destra, Santa Margherita di Staffora (PV)
Tel. 0383 551427;
www.albergostaffora.com

SANTA MARGHERITA DI STAFFORA – L’“Albergo Ristorante Staffora” è situato in alta Valle Staffora, a 550 m di altitudine. Accoglie i suoi ospiti in una sala (65 posti) spaziosa che permette di soddisfare esigenze conviviali diverse.

L’ambiente è familiare e il menù è costituito da piatti che si ispirano alla migliore tradizione culinaria dell’Oltrepò pavese.

Il ristorante ha saputo mantenere inalterata la tradizione di genuinità della sua cucina, unendo alle peculiarità di un tempo una scelta di piatti, aggiornata e diversificata, per soddisfare i gusti di una clientela sempre più esigente e varia.

Dalla cantina provengono i migliori vini della zona. Potrete apprezzare salumi, primi piatti conditi con funghi porcini o con tartufi, secondi a base di carne, nel periodo autunnale polenta con selvaggina, formaggi e gli sfiziosi dolci della casa.

Graziella Sala

La chef dell’“Albergo Ristorante Staffora” di Casanova Destra, Graziella Sala, presenta la “Casoeula”, un piatto tipico milanese molto apprezzato anche qui.

Dosi per 4 persone

Ingredienti:

1 chilo di costine di maiale tagliate a pezzi, 2 piedini di maiale tagliati a pezzi, 150 grammi di cotenna di maiale, 400 grammi di salamini, 1 chilo di verza, 1 cipolla, 1 costa di sedano, 1 carota, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, sale, pepe, olio extravergine, 1 noce di burro, mezzo bicchiere di vino bianco, prezzemolo e aglio.

Preparazione:

cuocere in una pentola a parte i piedini, la cotenna e i salamini per circa 2 ore; in una casseruola rosolare il trito di cipolla, sedano e carota; aggiungere le costine, salare e pepare; unire il concentrato di pomodoro e sfumare con il vino bianco; coprire con il brodo di carne e cuocere a fiamma bassa per circa 1 ora; aggiungere i salamini a pezzi, la cotenna e la verza lavata e tagliata grossolanamente; coprire con un coperchio e continuare la cottura ancora per circa mezz’ora; aggiungere i piedini ormai cotti e ultimare la preparazione con il trito di aglio e prezzemolo.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *