Il benedettino Trespioli ordinato sacerdote

Visualizzazioni: 331

È stato consacrato nell’abbazia di Montecassino dall’Arcivescovo Mons. Vittorio Viola

NOVI LIGURE – Sono state la Collegiata e la chiesa di Sant’Antonio a ospitare le prime due Messe celebrate dal novese Alessandro Trespioli, che è stato ordinato sacerdote sabato 25 settembre nell’abbazia di Montecassino, dall’Arcivescovo Mons. Vittorio Viola. La prima celebrazione si è svolta sabato 2 ottobre, alle ore 17, nella parrocchia in piazza Dellepiane, mentre domenica 3 ottobre, alle 10, la funzione è stata officiata nella chiesa dove Alessandro, nato nel 1983, è cresciuto. «Per me è un modo per tornare alle origini, dove è nata la mia vocazione. – racconta Alessandro – È stato un terreno nel quale ho piantato i primi semi.

Anche il mio percorso alla Collegiata, dove suonavo come organista, è stato importante. Non c’è stato un evento scatenante o un’e- sperienza particolare che mi ha portato a fare questa scelta di fede, come invece capita ad altri. È una vocazione cresciuta in me naturalmente». Il sacerdote ha frequentato il liceo Classico a Novi e la facoltà di Musicologia a Cremona e ha conseguito il diploma in organo dopo aver frequentato il corso di “Organo e composizione organistica” al Conservatorio “Paganini” di Genova nel 2009. Dopo il fine settimana nella sua città natale, il monaco benedettino, classe 1983, è rientrato a Montecassino. «Il nostro stile di vita benedettino prevede che rimarremo nel nostro convento tutta la vita, al di là di 15 giorni all’anno in cui possiamo ricongiungerci con le nostre famiglie. – aggiunge Trespioli – Tornerò ai miei lavori di bibliotecario, organista, maestro di coro e responsabile della liturgia. Devo terminare ancora pochi corsi all’Università Benedettina di Roma».

Poco meno di un anno fa, nella stessa abbazia, era stato ordinato diacono. «Sono a Montecassino dal 2012. – conclude – Di Novi mi mancano la famiglia e gli affetti più cari, ma qui mi trovo bene».

Luca Lovelli

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *