I giovani costruiscono il loro paese ideale

Visualizzazioni: 46

Workshop nelle scuole con il Gal oltrepadano

PONTE NIZZA – Bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie dell’Oltrepò stanno disegnando il futuro dei borghi del territorio. Il Gal Oltrepò Pavese, nell’ambito del progetto di cooperazione “Dimore e Borghi”, sviluppato in collaborazione con il Gal Risorsa Lomellina e il Gal Terre del Po, ha organizzato una serie di workshop nelle scuole oltrepadane per confrontarsi con i cittadini di oggi e di domani. L’obiettivo? Tracciare le linee guida per costruire i borghi del futuro, favorendo una progettazione partecipata con le nuove generazioni, per intercettare bisogni e punti di vista, contribuendo a definire le strategie di sviluppo locale. I giovanissimi partecipanti ai laboratori, svolti sino a oggi nei plessi scolastici di Casteggio, Santa Maria della Versa e Ponte Nizza, hanno scoperto più da vicino qual è il compito del Gal e quali progetti ha supportato, entrando poi nel vivo dell’esperienza laboratoriale. Cos’è un borgo? Quali sono i servizi essenziali che ne consentono la vitalità? Quali i servizi turistici che possono favorirne lo sviluppo? Bambini e ragazzi sono stati invitati a confrontarsi tra loro e con il corpo insegnanti su questi temi per costruire il proprio borgo ideale, il paese in cui vogliono vivere oggi e che sarà la loro residenza (e magari luogo di lavoro) di domani. Sfruttando carta, forbici, materiali di riciclo o soluzioni digitali, come video verticali e podcast, possono dare sfogo alla propria creatività e creare un’opera unica che racconterà la loro visione. I risultati dei laboratori diventeranno protagonisti di ulteriori incontri del progetto “Dimore e Borghi” con i sindaci dei 48 comuni del territorio Leader dell’Oltrepò, fornendo loro nuovi spunti per ragionare sullo sviluppo locale. Le stesse opere saranno anche in mostra al castello di Zavattarello da martedì 23 aprile, data dell’appuntamento conclusivo del progetto, che nelle settimane precedenti prevede anche la realizzazione di un press tour con dieci prestigiosi giornalisti nazionali, offrendo l’opportunità a tutti di riflettere sul futuro dei piccoli centri dell’Oltrepò, luoghi e comunità che resistono sulle colline e sulle montagne dell’Appennino lombardo.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *