Economia locale: il 2022 sarà positivo

Visualizzazioni: 24

TORTONA – In un momento complicato per l’economia, il 2022 porta ottime notizie a Tortona.

Si concretizzano, infatti, nuovi investimenti produttivi, sia di tipo commerciale, sia logistico e industriale che porteranno centinaia di posti di lavoro.

Sembra incredibile, dopo decenni di segno meno a livello di occupazione. «Ci sono buone notizie per lo sviluppo economico del nostro territorio e alcune novità sono imminenti. – afferma il sindaco Federico Chiodi – Altre sono di prossima concretizzazione.

Possiamo dire, alla prova dei fatti, che il nostro territorio è tornato ad essere appetibile per l’imprenditoria e per gli investitori».

Tutto questo accade ancora prima dell’attuazione del nuovo piano regolatore generale, che sarà approvato definitivamente in febbraio e che permetterà di snellire ulteriormente procedure e burocrazia e definire le aree in caso di nuove richieste di insediamenti. Attualmente ne sono previsti otto.

Tre sono nel terziario, ad ambito commerciale: uno è già attivo sulla strada per Alessandria, nei pressi del ponte sullo Scrivia e ospita il supermercato Aldi e altri negozi; poi il supermercato Ekom in viale Piemonte, inaugurato sabato scorso, al quale presto si aggiungeranno altre due attività commerciali nella stessa area. E per finire l’imponente insediamento commerciale che si progetta di realizzare in strada per Viguzzolo, per il quale è già in corso l’iter burocratico. Quattro saranno le attività di terziario avanzato in ambito logistica: tre in località Torre Garofoli e una da 390 mila mq sulla provinciale 211, a lato di strada Cabannoni (nella zona del Conforama) realizzata dal gruppo tedesco Aqui- la, che lunedì 20 dicembre ha posato il primo pilastro della struttura principale. Si tratta di una realtà che si annuncia particolarmente avanzata nelle tecnologie e nelle merceologie trattate.

Per la parte industriale, arriverà uno stabilimento produttivo a Rivalta Scrivia, per la produzione di telai di biciclette, nel quale si prevede l’impiego di circa 250 persone. Si tratta di un’opportunità davvero consistente, poiché dai tempi dell’arrivo della “Boero” nel 2004, non si registravano aperture di attività industriali di un certo rilievo a Tortona.

Ci saranno poi possibili inversioni di tendenza anche in centro città, nel commercio tradizionale: dopo un autunno segnato da numerose chiusure, si parla della riapertura di alcuni negozi. Le notizie positive di questi giorni sono di buon auspicio per un nuovo e positivo cammino dell’economia locale.

Stefano Brocchetti

La posa della prima pietra della logistica di Torre Garofoli
Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *