Due argenti e un bronzo per il tiro a segno

Visualizzazioni: 32

Edoardo Bonazzi e Michele Palella del poligono novese sul podio agli Europei in Polonia

NOVI LIGURE – È di tre medaglie il prestigioso bottino raccolto dai tesserati al poligono novese in occasione degli Europei juniores di tiro a segno svolti a Wroclaw, in Polonia. A Edoardo Bonazzi è andata la medaglia d’argento nella carabina 50 metri 3 posizioni, al termine di una gara al cardiopalma che l’ha visto condividere il podio con due atleti francesi. «Sono al settimo cielo. – ha raccontato – Questa medaglia è importante per il mio percorso e ha un grande valore. Sono poi arrivato quarto nella carabina libera a terra. Pur non avendo centrato un podio in quell’occasione, sono ugualmente soddisfatto. So di potermi ripetere.

Quello che ho vissuto finora è stato un percorso tortuoso e pieno di soddisfazioni. Questo argento è solamente un traguardo, ma ce ne saranno tanti altri. Le prossime tappe sono vicine e sono già concentrato su quelle». Tra i campionati italiani in programma il 20 settembre e gli attesi Mondiali di ottobre in Egitto, il ventenne di Pozzolo Formigaro vuole chiudere la sua carriera da juniores nel migliore dei modi in attesa del passaggio tra i senior. Grandi soddisfazioni anche per il suo coetaneo Michele Palella, già bronzo un anno fa agli Europei in Croazia, che torna a casa dalla Polonia con un argento nella pistola automatica e un bronzo nella pistola standard 25 metri. Di origini siciliane ma residente a Pinerolo, il giovane talento affiliato al tiro a segno novese, si avvicina alle prossime due competizioni con enorme fiducia ni propri mezzi. Molto soddisfatto per i prestigiosi risultati raggiunti dai “suoi” atleti è Gianfranco Silvano, presidente del tiro a segno di Novi. «Siamo stati anche leggermente sfortunati, perché sia Edoardo sia Michele fino agli ultimissimi colpi della finale erano vicini alla vittoria. Il secondo posto è comunque un ottimo risultato e non è una cosa da poco avere due ragazzi così forti in una struttura come la nostra. – ha commentato – Ai Mondiali, avranno tutte le possibilità per far bene. Sono elementi di punta della nazionale e tra un anno passeranno ai senior. Sicuramente avranno soddisfazioni, perché le basi sono ottime. Pure i loro allenatori sono molto contenti».

Luca Lovelli

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *