Coppi e Girardengo nel Natale novese

Visualizzazioni: 27

A Palazzo Dellepiane allestito l’originale presepe dell’artista Natale Panaro con i due personaggi

NOVI LIGURE – Nei giorni scorsi, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune, è stato allestito presso l’androne di Palazzo Dellepiane il grande presepe di Natale Panaro che potrà essere ammirato per tutto il periodo delle feste natalizie.

L’opera, ideata e realizzata da Natale Panaro con l’assistenza di Roberto Bosetti e di un folto gruppo di volontari e in collaborazione con l’associazione “Peppino Sarina – Amici del burattino”, è composta da pannelli in bassorilievo di polistirolo raffiguranti i principali personaggi della natività tradizionale, a loro si aggiungono anche due icone della storia del ciclismo, Coppi e Girardengo.

I disegni dei vari personaggi, ingranditi nelle dimensioni adeguate e riprodotti su “plotter”, sono stati riportati sul pannello mediante la tecnica a spolvero.

Le sagome sono state ritagliate con seghetti e scolpite con taglierini, lame, raspe e carta smeriglio e trattate poi con colla vinilica e dipinte con smalti satinati ad acqua.

Nato in una famiglia di contadini nel 1940 a Castelletto d’Erro, Natale Panaro fin da bambino ha iniziato a realizzare giocattoli con tutti i materiali disponibili, dalla carta al legno.

Scultore, illustratore, creatore di maschere, burattini e marionette, si è dedicato al teatro per ragazzi e ai tempi dell’Università ha perfezionato la sua tecnica sia presso il teatro “La Scala” sia presso l’Accademia di Brera. Ha allestito spettacoli messi in scena all’Arena di Verona, collaborando con Giorgio Strehler al Piccolo Teatro. Per otto anni ha lavorato come scenografo per la trasmissione Rai “L’Albero Azzurro” e per diversi programmi per bambini e gran parte della sua attività artistica è dedicata alla formazione, attraverso corsi e laboratori per insegnare a costruire maschere di cartoncino. Nell’atelier di Palazzo Guidobono, a Tortona, svolge regolarmente workshop sul teatro di figura di cui Peppino Sarina era considerato uno dei maggiori interpreti del passato.

L’allestimento vuole essere un segno di speranza e di fiducia verso il futuro e un modo per augurare a tutti i novesi di trascorrere un sereno Natale.

Michela Ferrando

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *