Beato Nicolas Roland

Visualizzazioni: 83

Il 16 ottobre 1994 a Roma, San Giovanni Paolo II proclamava beato Nicolas Roland, fondatore della congregazione delle suore del S. Bambino Gesù, fissando la sua festa liturgica al 27 aprile.

Roland nacque a Reims, in Francia, l’8 dicembre 1642 e fu affidato a una nutrice molto religiosa; nel 1658 entrò nel Collegio dei Gesuiti di Reims.

Nel 1660 si trasferì a Parigi, prendendo alloggio in una zona popolare, per frequentare i due anni di filosofia necessari all’ammissione al biennio di teologia. A Parigi conobbe e frequentò associazioni cattoliche operanti anche nel sociale e terminò gli studi con il dottorato in teologia.

Frequentò i lazzaristi di San Sulpizio e Saint-Nicolas-du-Chardonnet. Tornò a Reims dove, nel 1665, fu nominato canonico teologo cioè predicatore della cattedrale. Non esistono documenti che attestino la data della sua ordinazione sacerdotale, che non poté comunque essere prima del dicembre 1627, secondo le norme del Concilio di Trento che prescrivevano il compimento dei 25 anni. Dopo la parentesi della peste che colpì Reims nell’estate 1668, il beato organizzò conferenze per il clero, si dedicò alle missioni nelle campagne, affrontando fatiche, disagi e pericoli.

Nel 1670 predicando la Quaresima a Rouen conobbe il curato Antoine de La Haye, che gli fece scoprire l’importanza del ruolo della scuola nella propagazione della fede cattolica.

A Rouen incontrò anche il beato Nicolas Barré e un gruppo di persone dedite alle scuole gratuite. Ritornato a Reims volle creare una comunità simile a quella di Rouen. Chiese e ottenne da padre Barré l’invio di due suore, per istituire scuole popolari nei vari quartieri di Reims e l’8 gennaio 1671 celebrò la prima Messa nel nuovo orfanotrofio che fu intitolato al Saint-Enfant Jesus (S. Bam- bino Gesù). Nel 1672 incontrò il futuro san Giovanni Battista de La Salle e in quel periodo decise di fondare la nuova congregazione di suore dedita all’istruzione dell’infanzia femminile, sulla scia di quella di Rouen. Il 19 aprile 1678 cadde gravemente ammalato e stese il suo testamento, chiedendo proprio a de La Salle di essere il suo successore e completare l’organizzazione della nuova realtà religiosa.

Morì il 27 aprile 1678 a nemmeno 36 anni e fu sepolto nella cripta della cappella delle suore a Reims. Giovanni Battista de La Salle si mise subito al lavoro e le costituzioni furono approvate alla fine del 1683.

Lui stesso poi creò i Fratelli delle Scuole Cristiane, l’equivalente al maschile.

Daniela Catalano

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *