Aperto l’Anno Vocazionale delle suore Benedettine

Visualizzazioni: 473

Suor Maria Paola Magugliani è stata eletta Superiora provinciale. Molte le iniziative che prenderanno il via nei prossimi mesi. Si pregherà insieme ai giovani

VOGHERA – Sabato 5 marzo si è concluso a Voghera il XV Capitolo Provinciale delle suore Benedettine della Divina Provvidenza, un evento di Congregazione e di Chiesa, durante il quale – fra l’altro – è stata scelta la nuova Superiora provinciale e i membri del Consiglio, affidando a loro la guida di questa porzione di Congregazione fino a tutto il mese di dicembre dell’anno 2023.

Suor Maria Paola Magugliani è stata eletta Superiora provinciale, con lei nel Consiglio ci sono suor Tereza Medves, vicaria, suor Petronela Farcas, suor Cristina Sandru e suor Cristina Diac.

La Segretaria Provinciale è suor Tereza Medves e l’economa provinciale è suor Angela Andries.

In concomitanza con la chiusura del Capitolo è stata celebrata la Messa in duomo a Voghera per l’apertura ufficiale dell’anno vocazionale delle suore Benedettine: se n’era parlato molto sui social e molto se ne parlerà ancora, ma soprattutto si terranno tante iniziative aperte a tutti, in modalità online a causa del perdurare dello stato di emergenza dovuto alla pandemia. In questa occasione, sabato pomeriggio, il parroco mons. Marco Daniele ha dato alle suore l’opportunità di spiegare brevemente ai fedeli presenti in chiesa di che cosa si tratta.

Sarà un anno in cui ogni suora Benedettina rifletterà sulla propria vocazione, prima ancora che su quella degli altri. Con umiltà e con determinazione, in atteggiamento di ringraziamento per il grande dono ricevuto della vocazione alla vita religiosa consacrata, ma anche di richiesta di perdono per le fragilità e le debolezze; e soprattutto con il desiderio di rinfrancare, rinvigorire, riaffermare la propria risposta alla chiamata di Gesù.

Quella alla vita consacrata è una chiamata con un duplice invito: rimanere con Lui e andare in tutto il mondo. Ma… viene da chiedersi: si va o si resta? Non si può andare, non si può partire, non si può annunciare il Cristo morto e risorto se prima non si è stati con Lui e non si è fatta esperienza di Lui.

Questa è la vita consacrata: stare con Lui – sempre connessi per dirla con il linguaggio dei social – per poter poi andare e annunciarLo a tutti, portarLo a tutti.

È quello che le suore Benedettine da 173 anni fanno seguendo la luminosa testimonianza di Maria e Giustina Schiapparoli, venerabili fondatrici, che proprio a Voghera hanno dato inizio alla loro opera e di cui in questi giorni ricorre il 4° anniversario della venerabilità, con decreto firmato da Papa Francesco il 6 marzo 2018.

In quest’anno vocazionale si pregherà insieme ai giovani e per i giovani, perché non abbiano paura di rispondere alla chiamata del Signore, perché trovino in Lui la for-za e il coraggio dell’adesione ad un progetto ambizioso: essere tutti di Dio! Nella preghiera, nella gioia e nella dedizione ai fratelli, così co-me ha fatto Gesù, che è rimasto sempre in stretta comunione con il Padre, ma nello stesso tempo, sempre attento alle necessità dei fratelli e delle sorelle che incontrava.

Le Benedettine invitano tutti, an-che dalle colonne di questo giornale, a pregare con loro in questo Anno Vocazionale, perché il Signore doni alla sua Chiesa e alla Congregazione sante vocazioni sacerdotali e religiose.

Suor Lina Girotto – Superiora Generale

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *