Ai Vigili del Fuoco occorre una nuova sede operativa

Visualizzazioni: 162

Dopo la vendita all’asta dell’attuale caserma, il problema si ripropone

NOVI LIGURE – In questi giorni, attraverso un comunicato stampa, le cinque sigle sindacali (Fp Cgil Vvf, Uilpa Vvf, Confsal, Conapo e Fns Cis) si sono espresse chiaramente sulla delicata e annosa questione della caserma dei Vigili del Fuoco, che recentemente è stata venduta all’asta a un privato, forse per costruire delle abitazioni. I sindacati, incontrando il sindaco Muliere, hanno messo in evidenza come l’attuale sede storica, posta a lato di piazza XX Settembre e di via de Micheli, necessiti di importanti opere non solo di manutenzione straordinaria, ma anche di interventi di tipo igienico- sanitario, non essendoci le condizioni adeguate per consentire la permanenza dei lavoratori all’interno degli edifici. «Essendo un servizio essenziale dello Stato – hanno dichiarato i sindacati – siamo certi che la presenza dei Vigili del Fuoco a Novi sarà garantita e preservata, ma sino a quando il Dipartimento dei Vigili del Fuoco attraverso le strutture preposte non avvierà l’iter per il finanziamento e la costruzione di una nuova realtà di proprietà, dovremmo tutti quanti vigilare per garantire ai Vigili del Fuoco di Novi una dignitosa permanenza presso l’attuale vetusta struttura». Tutte le sigle sindacali hanno sottoscritto una lettera di denuncia che è stata inviata al prefetto Alessandra Vinciguerra, al presidente della Provincia, Enrico Bussalino, ai sindaci Rocchino Muliere e Paolo Lantero e ai vertici provinciali e regionali dei Vigili del fuoco, Alessandro Paola e Mariano Guarnera. La questione della caserma risale ai primi anni 2000, quando ci fu l’annuncio dell’accordo raggiunto tra le istituzioni dello Stato e dell’individuazione di un’area ipoteticamente idonea per la realizzazione di una nuova struttura. In un comunicato stampa proveniente dal Palazzo Comunale e datato 12 marzo 2007 si leggeva: “Il Sottosegretario del Ministero dell’Interno, il Prefetto di Alessandria, l’on. Mario Lovelli, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, hanno condiviso e apprezzato la scelta operata dal sindaco di Novi e dalla sua Giunta, nell’individuazione dell’area che si trova in via Raggio, adiacente al Capi (Centro Assistenziale di Pronto Intervento) della Protezione Civile, come nuova sede della caserma. Inoltre, è stata proposta la realizzazione di una piattaforma per l’elisoccorso di notevole importanza strategica, visto che l’area in oggetto dista solo trecento metri dall’Ospedale San Giacomo. Il sottosegretario ha poi garantito che parte dei finanziamenti necessari possono essere individuati già nell’anno in corso all’interno del Bilancio del Ministero dell’Interno e che, nel frattempo, si può già dare il via alla progettazione dell’opera”. Purtroppo, non sembra essere cambiato molto da allora.

Vittorio Daghino

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *