“Sistema misto” a Tortona per la differenziata

Visualizzazioni: 133

In alcune zone arrivano i cassonetti con il tag elettronico

TORTONA – Il 2020 a Tortona sarà l’anno dell’atteso avvio della raccolta differenziata.

Il rinvio di sei mesi concesso dal consorzio di bacino Csr per ripensare al metodo più idoneo da adottare in città è stato utilizzato dal Comune e dalla società incaricata Gestione Ambiente per elaborare un nuovo piano che fosse alternativo al complicato e oneroso sistema “porta a porta” e al metodo “Contarina”, ritenuto inefficace per la conformazione del territorio e soprattutto per la densità abitativa del centro. La scelta è andata su un sistema misto che prevede nelle zone residenziali (Paghisano) o periferiche dei cassonetti internalizzati per le singole utenze o per i condomini mentre nelle zone ad alta densità abitativa tra cui centro storico e quartiere Oasi, nuovi cassonetti stradali che saranno dotati di una calotta con un tag elettronico per individuare l’utente che verserà i rifiuti e, in futuro, stabilire la tariffa puntuale sulla base del rifiuto indifferenziato prodotto.

A breve ci sarà la precisa suddivisione delle vie. Per le zone residenziali, dove già è attiva la raccolta domestica di indifferenziato e di umido e vegetale, sarà aggiunto un kit per carta e cartone, plastica e lattine, oltre ai due già attivi. Le novità saranno la dotazione di un tag elettronico per il secco e per la carta e di un dispositivo di riconoscimento dell’utente per il cassonetto della plastica.

Le aree delle zone più urbanizzate invece avranno ancora i contenitori stradali, diversi per le quattro categorie di rifiuto, ma l’accesso sarà controllato tramite una tessera personale dell’utente e il conferito sarà misurato in dimensioni e peso mediante una calotta.

Questo metodo misto sarà utilizzato per le utenze domestiche a partire da aprile, mentre per le attività produttive entro gennaio partirà la differenziata con il sistema dei cassonetti internazlizzati personali per le singole attività.

Lo scopo complessivo di questo nuovo metodo è raggiungere la quota del 65% di rifiuti differenziati entro la fine del 2020, così come previsto dalla normativa regionale. Dal 20 gennaio, inizierà la consegna del nuovi cassonetti per le attività produttive nelle aree industriali e artigianali, con l’avvio del nuovo sistema di raccolta fissato per il 3 febbraio.

Stefano Brocchetti

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *