Solidarietà… con arte per il “Paolo VI”

Visualizzazioni: 84

Al Museo esposizione di opere per aiutare il Centro diocesano

TORTONA – In occasione del Santo Natale, l’Ufficio Beni Culturali della Diocesi promuove per il secondo anno, negli spazi del Museo Diocesano, un evento dove l’arte si fa strumento di beneficenza. Dopo il successo di “Arte all’Asta” a favore della Caritas Diocesana nel 2021, quest’anno sarà il Centro “Paolo VI” Onlus il destinatario del gesto solidale.

Grazie al patrocinio e alla collaborazione della Società per le belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano e ad Alfredo Mazzotta e Caterina Deodato, diversi artisti hanno donato al Centro “Paolo VI” alcune loro opere che saranno esposte al pubblico e potranno essere assegnate a fronte di una donazione. Il ricavato delle offerte, fiscalmente detraibili, andrà a sostenere alcune delle numerose attività riabilitative svolte a favore dei ragazzi ospiti. L’esposizione delle opere, presso il Museo Diocesano di Tortona (via Seminario, 7), inizierà sabato 3 dicembre e prosegue fino al 18 dicembre, sabato e domenica dalle ore 15.30 alle 18.30. Per informazioni è possibile scrivere o telefonare in orario di apertura del Museo (mail: beniculturali@diocesitortona.it; tel. 0131 1922731).

Il Centro Paolo VI, proprietà della Diocesi di Tortona, è nato come “Centro Medico PsicoPedagogico”, fondato da mons. Francesco Remotti nel 1966, per erogare prestazioni educative e riabilitative a favore di bambini, adolescenti e giovani adulti, che presentavano ritardo cognitivo, disturbi di personalità e gravi problemi socio-relazionali. Oggi il “Paolo VI”, diretto da don Cesare De Paoli, è un riferimento importante e riceve richieste di aiuto da tutto il Nord Italia, in particolare per soggetti in età evolutiva con problemi psicopatologici che richiedono elevati livelli di riabilitazione e di assistenza. Il Centro offre un’ampia gamma di interventi sanitari attraverso gli ambulatori, i servizi residenziali e i centri diurni mante- nendo al centro la persona e la sua qualità della vita.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *