Marziano nelle Valli Curone e Grue

Visualizzazioni: 113

Dopo la Messa solenne celebrata il 10 giugno in cattedrale dal vescovo, è iniziata la Peregrinatio dell’immagine del santo martire attraverso il territorio diocesano. Il primo tratto si è concluso il 15 luglio

VIGUZZOLO – Dopo la solenne concelebrazione eucaristica in cattedrale di venerdì 10 giugno, la statua di san Marziano ha “mosso” i suoi primi passi nel Vicariato delle Valli Curone e Grue.

Da subito collocata nel posto di onore nella chiesa parrocchiale di Viguzzolo vi è rimasta fino a venerdì 17, quando è stata consegnata alla parrocchia di Montegioco. Durante il mese di giugno la venerata effigie del primo evangelizzatore della Diocesi ha toccato quasi tutte le comunità pastorali delle due vallate: oltre alle due citate la statua è stata accolta anche Garbagna, Gremiasco, Fabbrica, Volpedo, Casalnoceto, Pozzol Groppo e infine a San Sebastiano. Tanti fedeli hanno avuto così modo di conoscere la figura storica del primo vescovo in occasione del 1900° anniversario del suo martirio (122 d.C.) e hanno potuto invocarne l’intercessione, traendo motivo per imitarne le virtù. Numerose persone hanno partecipato alle Messe in suo onore e molto venerata è stata la sua effigie: la gente delle Valli Curone e Grue che, da sempre, guarda a Tortona come principale centro economico, culturale e religioso sa bene che l’implantatio Ecclesiae in questa zona si deve proprio alla primigenia predicazione di san Marziano.

Le comunità di questa terra sono state onorate di ospitare i primi passi di questa lodevole iniziativa pastorale della Peregrinatio diocesana. La Provvidenza ha voluto che proprio questo Vicariato fosse il primo. Si è, infatti, pensato che fosse giusto iniziare con la terra che conserva alcune memorie del suo patrono: in primo luogo l’altare maggiore della chiesa parrocchiale di Viguzzolo collocato fino all’epoca napoleonica nella chiesa di San Marziano di Tortona dove le sue reliquie erano custodite e in secondo luogo alcuni siti legati alla figura dell’illustre successore sant’Innocenzo, colui che ritrovò nel IV secolo i preziosi resti mortali del martire. Proprio in valle Grue, lungo il rio omonimo, quando ancora si chiamava flumen Coluber a pochi chilometri da Tortona, sorgeva presso Rocca Grue, la villa della famiglia del vescovo Innocenzo. Le Comunità parrocchiali e pastorali delle due valli escono da questa iniziativa diocesana certamente rinvigorite nella fede, fiere di essere parte di un’antica e illustre storia di vita evangelica e capaci di guardare al futuro con un pizzico di speranza in più. La radice è viva e feconda e porterà ancora frutti.

Don Gino Bava

Vicario Foraneo

A Volpedo e a Casalnoceto

Da domenica 3 a venerdì 8 luglio, la Comunità Interparrocchiale di Volpedo, Casalnoceto, Monleale e Cusinasco ha accolto la statua di San Marziano, primo vescovo di Tortona, a 1900 anni dal suo martirio.

A partire da domenica 3 e fino a mercoledì 6 luglio la statua è stata ospitata nella chiesa parrocchiale di Volpedo per essere poi trasferita nelle giornate di giovedì 7 e venerdì 8 luglio nella chiesa parrocchiale di Casalnoceto.

Dopo la celebrazione della Messa solenne in onore del Santo, tenutasi domenica 3 luglio, lunedì 4 luglio alle ore 10, nella chiesa parrocchiale a Volpedo, è stata officiata la Messa per pregare, nel ricordo di San Marziano, per tutti gli ammalati, i ragazzi e i giovani della Comunità Interparrocchiale.

San Marziano a Volpedo

È stato possibile seguire la celebrazione in diretta sul canale YouTube “parrocchiavolpedo”. Giovedì 7 luglio, nella chiesa parrocchiale di Casalnoceto alle ore 10, ancora l’Eucaristia in onore del santo vescovo e martire.

Durante i giorni di permanenza è stato distribuito a tutti i presenti il libro che contiene le omelie del vescovo, Mons. Guido Marini, dedicate al santo. A conclusione di ogni celebrazione il parroco, don Fulvio Sironi ha recitato insieme a tutti i fedeli presenti la preghiera a San Marziano scritta dal vescovo Guido per il 6 marzo scorso, memoria liturgica del 1900esimo anniversario del martirio.

«Che San Marziano, con il suo esempio e con la sua preghiera, ci sia di aiuto e di sostegno nel cammino» (cit. Omelia del Vescovo Mons. Guido Marini, venerdì 4 marzo 2022).

Tiziana Bidone

A Fabbrica Curone

Sabato 25 giugno la statua di san Marziano è giunta sul sagrato della Pieve di Fabbrica Curone, durante la Peregrinatio nelle valli Curone e Grue. Ad accoglierla c’era un gruppo di persone in rappresentanza anche delle altre parrocchie dell’alta Val Curone, insieme a don Augusto Piccoli, cappellano della Polizia di Stato di Alessandria e Asti e amministratore delle comunità ecclesiali della zona. Durante il periodo in cui era presente il santo sono state proposte la Messa e l’adorazione eucaristica unita alla recita del S. Rosario. In questi momenti si è pregato il Signore affinchè per intercessione di san Marziano doni vocazioni sacerdotali e religiose alla Chiesa di Tortona. Molte le persone che hanno sostato davanti al santo grazie al fatto che la chiesa è rimasta a lungo aperta. Nella mattinata di sabato 2 luglio, dopo la preghiera di saluto, l’effige è stata portata a Volpedo. Questo tempo di grazia resterà nei cuori di tutti gli abitanti dell’alta valle.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *