Ora la Greenway arriva a Varzi

Visualizzazioni: 70

L’Oltrepò e la mobilità sostenibile. Sabato 19 giugno sarà inaugurato il nuovo tratto della ciclopedonale che parte da Voghera, taglia tutta la Valle Staffora e offre ai turisti la possibilità di godere per 33 km di sorprendenti bellezze paesaggistiche. Gramigna: «Una convergenza di intenti che è stata il segreto per il successo di un territorio»

L’atteso giorno dell’inaugurazione del tratto Salice Terme-Varzi della Greenway (che parte da Voghera) è arrivato. Un intervento portato a termine nelle scorse settimane dalla Provincia di Pavia che va a completare i 33 km di un percorso sostenibile che consentirà ai turisti “green” di accedere alle sorprendenti bellezze paesaggistiche dell’Oltrepò pavese.

Il taglio del nastro, con l’apertura ufficiale della nuova tranche di ciclopedonale, si svolgerà sabato 19 giugno alle ore 10.30, in via IV Novembre a Bagnaria. Alle ore 11 in piazza San Bartolomeo si terrà il saluto del sindaco Mattia Franza. Seguiranno gli interventi di Vittorio Poma, presidente della Provincia di Pavia, di Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, di Giovanni Palli, presidente della Comunità Montana dell’Oltrepò, di Claudia Sorlini, vice presidente della Fondazione Cariplo, e di Federico Del Prete, consigliere di Legambiente Lombardia. Alle ore 12.15 l’ingegnere Barbara Galletti presenterà il tracciato.

La Greenway Voghera-Varzi si snoda lungo la Valle Staffora, seguendo l’antico percorso della ferrovia elettrica che univa i due centri cittadini posti rispettivamente a valle e a monte. Terminati i lavori dell’ultimo tratto Salice Terme-Varzi, gli amanti della natura e dello sport all’aria aperta potranno percorrere complessivamente 33 km tra campi, vigneti, piccoli boschetti e borghi storici. Oltre alle attrezzature tipiche di una ciclopedonale, che prevedono aree di sosta organizzate con panchine, cestini porta rifiuti con scomparti per la raccolta differenziata, rastrelliere per biciclette, pannelli informativi, fontanelle, tavoli da pic-nic e parapetti di protezione in legno, lungo la via saranno installati cartelli che riporteranno le distanze esatte per la localizzazione della posizione e, nelle piazzole di sosta, saranno collocati pannelli informativi in linea con la cartellonistica dedicata ai non vedenti e agli ipovedenti.

Paolo Gramigna

«Questo è un momento storico per la Valle Staffora e l’Oltrepò Pavese. – afferma il consigliere provinciale Paolo Gramigna che ha seguito in prima persona tutto l’iter progettuale – Con il completamento del tratto di Greenway tra Salice e Varzi volge al termine un’opera da anni fortemente voluta dai cittadini, dagli operatori economici, dagli amministratori locali al di là delle loro appartenenze politiche».

«Una convergenza di intenti che è stata il segreto per il successo di un territorio. – precisa Gramigna – Mi onoro di aver lavorato con sindaci e amministratori e di aver contribuito, nel mio ruolo di assessore provinciale prima e di consigliere provinciale poi, all’ottenimento dei fondi necessari per l’opera e la sua realizzazione. Con il completamento della Greenway Voghera-Varzi non si realizza unicamente una infrastruttura ciclabile che migliora la vivibilità dei luoghi, bensì un tassello fondamentale di un piano integrato d’area che attraverso il cicloturismo punta alla esaltazione delle eccellenze storico culturali, enogastronomiche, sportive e naturalistiche di un meraviglioso territorio».

«Una grande opportunità anche per valorizzare le iniziative che in questi anni tanti giovani imprenditori hanno qui intrapreso e altre che certamente nasceranno. – conclude Gramigna – In tal senso non bisogna fermarsi. Se è vero che con il Piano Marshall Regione Lombardia ha finanziato ad Aipo la realizzazione del tratto della Provincia di Pavia di Ven-to, la Ciclovia che collegherà Venezia a Torino sull’argine del Po, ora la sfida sarà collegare la Greenway a Ven-To».

Mattia Tanzi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *