Le reliquie di santa Bernardette ad Alessandria

Visualizzazioni: 63

Lunedì 29 aprile la processione “aux flambeaux” presieduta dal nostro vescovo

ALESSANDRIA – È stata esposta dal 25 al 30 aprile, nel santuario di Nostra Signora di Lourdes ad Alessandria, l’urna con le reliquie di Bernardette Soubi-rous, la piccola santa di Lourdes, a cui per 18 volte apparve la Vergine dall’11 febbraio al 16 luglio 1858.

Alessandria è la prima delle 34 diocesi italiane in cui l’urna è stata esposta in occasione dei 175 anni della nascita e dei 140 anni della morte della santa.

Numerosi i fedeli che già di prima mattina il 25 aprile si sono presentati in via Tortona per rendere omaggio a Bernardette. “Ospitarla nella nostra chiesa – sottolinea suor O-dilla Bertuccio, madre generale della Congregazione delle Suore Immacolatine – è una gioia grande e una sorpresa inaspettata per la piccola Lourdes alessandrina”. Il santuario riproduce fedelmente la grotta di Massa-bielle e molti nei giorni delle presenza delle reliquie hanno varcato quella soglia benedetta, tanto che i dati parlano di oltre 20 mila i fedeli in sei giorni; numeri sicuramente da record per questa prima tappa del viaggio in Italia delle reliquie della giovane santa. Erano numerosi anche i volontari dell’Oftal che, assieme agli scout, hanno gestito la logistica dell’evento.

Tra le celebrazioni più significative sabato 27 aprile, alle 18, la messa celebrata dal vescovo di Ales-sandria Mons. Guido Gallese e, alle 22, la veglia notturna con la partecipazione dei giovani e dei gruppi del Rinnovamento nello Spirito. Domenica 28 alle 10 la celebrazione eucaristica insieme a circa cento malati, mentre lunedì 29 alle 21 si è svolta la suggestiva e solenne processione “aux flambeaux” in perfetto stile Lourdes, dalla cattedrale fino al santuario di via Tortona, presieduta dal vescovo di Tortona Mons. Vittorio Viola, con la partecipazione dell’Oftal diocesano tortonese.

“Vorremmo imparare ad essere anche noi poveri, a lasciare uno spazio vuoto, libero, senza alcun ingombro, nel quale il Signore può manifestare la sua presenza. Per intercessione di Bernadette chiediamo di poter imparare tutto questo, di poter imparare la sapienza dei piccoli”. Queste le parole di Mons. Viola prima di impartire la solenne benedizione davanti alla porta del santuario, subito rivelatosi troppo piccolo per accogliere le oltre 2000 persone presenti; lì accorse, come i piccoli del Vangelo, con Bernardette per imparare con l’Immacolata a stare alla presenza di Dio.

Claudio Baldi

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *