“L’AltRoparlante”: la didattica per le lingue straniere a scuola

Visualizzazioni: 154

Riunione di fine anno per il progetto che coinvolge l’Istituto di Serravalle

SERRAVALLE SCRIVIA – Sabato 1 giugno presso l’Istituto Comprensivo “Martiri della Benedicta” si è tenuto l’incontro di fine anno del progetto “L’AltRoparlante. Didattica plurilingue nella scuola italiana” in cui sono state presentate le attività condotte dagli Istituti Comprensivi appartenenti al progetto e precisamente: il “Marco Polo” di Prato, quello di Cerreto Guidi, il “Bertolotti” di Gavardo (BS) insieme al “Martiri della Benedicta” di Ser-ravalle, scuola pilota del progetto. Erano ospiti della giornata Carla Bagna, supervisore scientifico del progetto, Valentina Carbonara e Andrea Scibetta ricercatori, tutti provenienti dall’Università per Stranieri di Siena.

Grazie al supporto del Dirigente Scolastico Anna Maria Bisio, del Collaboratore Vicario del Dirigente Tiziana Carandolo e del Collaboratore del Dirigente Federica Cucinella, a Serravalle il progetto è partito nell’anno scolastico 2016-17 e, il 9 maggio di quest’anno, è stato insignito del premio Label Europeo delle Lingue a Palazzo Vecchio a Firenze; “L’AltRoparlante” si basa sull’ approccio didattico per la valorizzazione e l’approfondimento della conoscenza di tutte le lingue parlate dagli studenti in classe come buona pratica inclusiva. Ecco che, sui muri delle classi, sono comparse bacheche sulle quali, insieme all’italiano, sono state affiancate l’arabo, il romeno, il cinese, l’albanese e così via, i genitori sono stati coinvolti in momenti di storytelling nelle lingue d’origine, è stato svolto un progetto sul bullismo in chiave plurilingue, è stato creato un dizionario plurilingue e dei dialetti.

Attraverso le attività promosse dagli insegnanti, “facilitatori” di un percorso, si sono create importanti sinergie per costruire il sapere attraverso la didattica cooperativa. Il lavoro ha condotto a importanti ricadute: dal punto di vista delle famiglie, che sono state molto disponibili, c’è stato l’entusiasmo di condividere la propria individualità culturale; gli studenti stranieri sono diventati protagonisti, la loro lingua è stata legittimata e tutti i ragazzi sono diventati ascoltatori attivi di altre realtà linguistiche facendole proprie; gli insegnanti hanno dimostrato grande professionalità nel condividere con i colleghi la conduzione delle attività, prendendo parte attiva nella gestione comunitaria del progetto. I ragazzi, quindi, bi-pluri lingue e italofoni, sono stati stimolati e preparati agli scambi comunicativi con i compagni attuali e quelli di domani.

La ferma convinzione dei docenti sostenitori del progetto, che quest’anno ha visto il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, è che le differenze linguistiche e culturali siano arricchimento e risorsa per i principi di partecipazione solidale e di convivenza; all’interno del progetto, il corpo docente, quotidianamente e silenziosamente, svolge con professionalità, passione e amore il suo lavoro. Attraverso la didattica cooperativa si evitano fenomeni di marginalizzazione e stigmatizzazione degli studenti stranieri, promuovendo una posizione di dialogo responsabile tra culture, fondata sul criterio della tolleranza.

Il modello di accoglienza e inclusione sociale del progetto, da intendersi come propensione al riconoscimento dei diritti universali e delle libertà fondamentali altrui, è una delle illuminate interpretazioni dell’articolo 3 della Costituzione italiana. In una realtà dove il sistema scolastico più che rimuovere le disuguaglianze linguistiche, culturali, sociali, finisce per perpetuarle, l’Istituto Comprensivo di Serravalle, con il progetto “L’AltRoparlante”, più che al pessimismo della ragione lascia spazio all’ottimismo della volontà, facendo suo il motto di Martin Luther King: “Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla”.

Cristina Bertin

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *