Il welfare aziendale entra in farmacia

Visualizzazioni: 41

Firmato l’accordo tra Ubi Banca e Federfarma Alessandria 

ALESSANDRIA – L’Associazione fra Titolari di Farmacia della Provincia di Alessandria (“Federfarma Alessandria”) e UBI Banca hanno firmato un protocollo d’intesa che apre le porte del welfare aziendale alle circa 180 farmacie associate e ai loro oltre 600 addetti. Federfarma Alessandria è la quarta associazione rappresentativa delle farmacie private convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale, la prima in Piemonte, a siglare con UBI Banca un accordo sul welfare aziendale. UBI Banca, a sua volta, è stato il primo istituto bancario italiano ad occuparsi di welfare aziendale, con una visione che nasce dal suo essere banca del territorio attenta ai bisogni delle proprie comunità. Grazie a “UBI Welfare Network”, Federfarma Alessandria ha a disposizione uno strumento che consente anche alle farmacie di dimensioni più contenute di avviare programmi di welfare aziendale completi.

L’accesso ai beni e servizi resi disponibili dalla piattaforma di UBI Banca avverrà in modo semplice (tramite PC, tablet e smartphone) e a costi ridotti, grazie alle economie di scala del network degli associati e al supporto fornito direttamente dall’associazione. “La piattaforma di Welfare Aziendale per farmacie in partnership con UBI Banca, rappresenta uno strumento all’avanguardia di cui le farmacie possono decidere di avvalersi per la gestione del team di farmacia” ha dichiarato Luca Zerba Pagella, presidente di Federfarma Alessandria. “Ritengo che l’utilizzo di questi programmi aziendali, anche in piccole realtà aziendali come le farmacie, sia il futuro in questo scenario competitivo, che vede oggi l’ingresso nella proprietà dei capitali, che si stanno organizzando in grandi catene. La risorsa umana presente nelle nostre farmacie, ovvero la professionalità dei nostri collaboratori, è il vero valore aggiunto da mettere in campo e valorizzare.

Considero la gestione dei benefit e degli incentivi per il personale di farmacia, una grande possibilità che le farmacie oggi devono cogliere per poter competere in maniera pro-attiva e guardare al futuro con ottimismo.” “Il percorso di collaborazione che nasce oggi con Federfarma Alessandria testimonia ancora una volta quanto i bisogni delle persone siano al centro dell’attenzione di UBI Banca. La provincia alessandrina è la prima in Piemonte in cui le porte del welfare si aprono alle farmacie interessate a sviluppare programmi di qualità per i loro dipendenti grazie a soluzioni di welfare aziendale integrate con i necessari servizi di consulenza, assistenza e supporto”, afferma Rossella Leidi, Vice Direttore Generale e Chief Wealth & Welfare Officer di UBI Banca.

“Questa partnership consentirà inoltre di rafforzare ancor più l’ecosistema di prossimità e di servizio che permette di realizzare una vera e propria rete di benessere per i lavoratori e le loro famiglie”. Anche grazie alla disponibilità di servizi di qualità sul territorio – il “chilometro zero” della valorizzazione economica locale – sarà possibile soddisfare concretamente i bisogni personali e familiari, con particolare riferimento ai servizi che possono incidere sulla qualità della vita: assistenza sanitaria, pensioni, sostegno al reddito, istruzione, tempo libero, cultura, acquisto di beni e servizi, cura della famiglia.

In questo ambito le farmacie possono svolgere un ruolo fondamentale, con una sempre maggiore capacità di diffondere la cultura della prevenzione e tutela della salute, promuovendo servizi capillari e di elevata professionalità.

Commenti: 0

Il tuo indirizzo mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati con *